Lungo la storica Via del Carro

La Via del Carro, citata molto spesso nelle fonte storiche, ha rappresentato per il Salento una vitale arteria di commercio, in un periodo cruciale per lo sviluppo di questa terra. Era il 1500, i turchi avevano già varcato il Canale d’Otranto e seminato il terrore ovunque, tuttavia era un momento d’oro per l’agricoltura, le campagne tornavano ad essere popolate e fiorivano di ogni sorta d’attività. 

Era necessario proteggere queste comunità, così sorsero le masserie fortificate. Il granaio della città di Lecce era posto attorno alla cosiddetta Platea di Cerrate, un fitto insediamento, molto spesso ben fortificato, che forniva ogni bene agricolo a Lecce e al resto del Salento. La Via del Carro partiva proprio da questa zona, anche se qualcuno dice che arrivava da Brindisi.

mappa via del carro

Nella mappa sopra (tratta da un libro dello studioso del territorio Antonio Costantini) si può apprezzare la traiettoria di questa via, che in pratica seguiva parallelamente, anche se a diversi km, il tragitto della Via Traiana Calabra, ed arrivava anch’essa ad Otranto. Da notare i numerosi feudi agricoli disposti ovunque. Il nord leccese era più sviluppato. Da qui parte questo nostro itinerario, che cercherà di ritrovare i solchi di questa strada fondamentale.

1 via del carro strada carraia presso masseria giampaolo

Qui siamo davanti a Masseria Giampaolo. Il fondo roccioso emerge oltre il terriccio rivelando le profonde fenditure nella roccia scavate dalle ruote dei carri…

2 via del carro strada carraia presso masseria giampaolo

Tutte le masserie interessate dal passaggio di questa arteria avevano un loro “aggancio”, che ne immetteva i carri come da un accesso ad una superstrada! Le mercanzie viaggiavano continuamente, come ricordano ancora le fonti, questa via era continuamente trafficata.

3 via del carro frantoio presso masseria giampaolo

Fra i prodotti principe c’era ovviamente l’olio. Qui tutte le masserie avevano almeno un frantoio, a Masseria Giampaolo ce n’erano due, nell’adiacente Masseria Monacelli un altro…

Ma c’erano anche masseria che lavoravano solo col bestiame, come era per Masseria la Grotta (sopra), presso la quale passa un’importante tracciato basolato, che certamente era collegato alla Via del Carro.

strada carraia nel rauccio

Nelle foto sopra e sotto, siamo presso Masseria Rauccio, dove la Via del Carro passa davanti ad una vecchia pagghiara. E’ un tratto molto importante, perché è l’unico visibile, all’interno dell’antica foresta di lecci, che un tempo ricopriva gran parte di questa zona. Diradata la foresta, a poche centinaia di metri dalla Masseria, la carraia diventa più vistosa, ed ai suoi margini affiorano cocci, forse resti di trasporto andato per terra…

DSC04088

IMG_2379

Oggi il Parco Naturale del Rauccio salvaguarda questo bellissimo territorio.

via del carro masseria coccioli

Proseguendo verso sud incontriamo Masseria Coccioli. Anche le torri colombaie erano molto frequenti.

5 via del carro masseria barone vecchio

Ora siamo a Masseria Barone Vecchio, purtroppo in stato di rovina…

6 via del carro masseria barone vecchio

…caratteristico il suo pozzo a forma di confessionale…

7 via del carro masseria barone vecchio

La foto successiva di questa masseria rende bene l’idea di come doveva apparire il territorio all’epoca, visto a volo d’uccello…

IMG_2327

Continuiamo lungo la strada, che costeggia il mare a pochissimi km… siamo nella zona più esposta alle incursioni piratesche…

8 via del carro masseria rauccio

Masseria Rauccio, di cui è stata salvata la massiccia torre di difesa…

9 via del carro masseria rauccio

… purtroppo la torre colombaia è ridotta molto male…

10 via del carro masseria rauccio

…mentre la chiesa, che risaliva ai primi anni del 1600, sta ormai cadendo a pezzi…

11 via del carro masseria paladini

Ed ecco ora Masseria Paladini, databile al 1500, anche questa in cattive condizioni…

12 via del carro masseria paladini

…mentre resiste la grande torre colombaia, privata dai vandali dello stemma della famiglia Guarini…

Non molto distante da Borgo Piave, in una direzione che in linea d’aria corre verso la torre costiera Veneri, a circa 3-4 km dal mare, fuoriesce dalla macchia mediterranea una grande arteria carraia…

…di cui, dalla foto sopra, si nota la profondità di un solco pur ricolmo di terra.

Siamo di fronte a masseria Basciucco. Nei suoi poderi erano segnalati due menhir, segnalati da Giuseppe Palumbo e andati perduti, sembrerebbe, nel 1957. 

Lungo la carraia, da un lato c’è la masseria, e dall’altro questa costruzione sopra, forse una casa-torre, andata in rovina.

La masseria è grande e pare sia stata “funzionale” fino a tempi recentissimi. Accanto all’ingresso sembrerebbe una chiesa…

…sulla cui architrave di accesso c’è la data 1658.

La masseria era fortificata da ogni lato, ma ha perduto le sue caditoie.

La strada carraia diventa poi un selciato, in direzione mare…

…mentre dal lato opposto le sue carraie si nascondono fra i rovi: il suo percorso, anche se osservato da Google maps pare procedere nella direzione Lecce-Torre Veneri, in realtà poi curva parecchio, quindi dovrebbe essere sempre la Via del Carro.

13 via del carro masseria litta

Facendo una piccola deviazione si può notare qualche altra caratteristica di queste campagne: la chiesetta di Masseria Litta…

14 via del carro masseria litta

…conserva anche due statue…

15 via del carro masseria litta

E a circa 800 metri, isolato nella campagna un gigantesco pagliarone, fornito di due scale laterali per l’accesso alla cima.

pagliarone

La zona è interessante anche per la presenza della Grotta delle Meraviglie, testimonianze della presenza dell’uomo fin dalla Preistoria. Ma proseguiamo verso sud, ed incrociamo la strada carraia che con ogni probabilità risale ai tempi della Lecce romana, di quando essa collegava la città al porto di San Cataldo (l’allora Porto Adriano).

16

Siamo in direzione di Masseria Mosca…

17

…la strada è riaffiorata dopo Masseria dell’Alto…

…e in parecchi punti percorre lunghi tratti di terreno roccioso affiorante.

17bis

Masseria Mosca non è in buone condizioni, ma una visita si impone, in questi luoghi mitici del lavoro contadino di una volta.

18 masseria mosca

19

20 via del carro

La Via del Carro prosegue, nella foto sopra si nota la masseria che abbiamo appena lasciato, e il percorso dei solchi, che in fondo viene asfaltato. La strada moderna, bellissima comunque da fare in bicicletta, ricalca la vecchia traccia secolare!

21 via del carro masseria mele

Siamo arrivati a Masseria Mele, un’altra torre fortificata, costruita su tre piani, ed in origine dotata anche di un ponte levatoio!

22 via del carro masseria mele

Le mura dell’insediamento sono rinforzate da poderosi contrafforti.

23 via del carro masseria mele

La tecnica costruttiva dei muri risale al 1500, ed è veramente affascinante vederli ancora in piedi, in larga misura, per lunghi perimetri!

2

Sopra siamo presso Acaya, nelle vicinanze di Masseria San Pietro e di un affascinante villaggio rupestre.

24

La Via si snoda nelle campagne, in direzione della Masseria principe di questa zona. Il colosso… lo Zundrano!

25 via del carro masseria zundrano

Questo vero e proprio castello fortificato, dotato di svariate caditoie su ogni lato, esisteva già nel 1400. Un “aggancio” della carraia porta direttamente all’edificio.

26 masseria zundrano

27

Affascinante anche il frantoio della masseria, questo non ipogeo, perché posto proprio a piano terra…

28

Acaya è ormai alle porte, siamo nella zona di massima sicurezza per gli abitanti dell’epoca. Lasciando l’attuale territorio di Vernole, entriamo in quello di Melendugno, dove la Via si allarga a dismisura, contando tre corsie…

melendugno

…Otranto è ormai alle porte! Secoli fa, punto di arrivo dei nostri carri, oggi meta finale di questa nostalgica ma appassionante passeggiata!

(Articolo soggetto ad aggiornamenti di testi e foto. Per gli interessati all’argomento, qui si trova una rassegna di tutte le altre strade del Salento)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Lungo la storica Via del Carro

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.