La Grotta “de lu carottu” a Parabita

Carottu, una parola tipica del dialetto locale a Parabita, significa letteralmente buco, e in questa zona ha dato il nome ad una grotta naturale, testimone da tempo immemorabile di un rito che il Salento conosce anche in altre zone, ossia il passaggio attraverso un foro, simbolo sin dalla preistoria di nascita, associato a riti di iniziazione che coinvolgevano i ragazzini. Siamo presso un’altura del territorio parabitano, immersi in un paesaggio verde che sa lascia suggestioni di infinito…

La Grotta "de lu carottu" a Parabita

…alla grotta si arriva dopo una bella camminata, ma bisogna oggi chiedere il permesso, perché prima di giungervi bisogna passare attraverso terreni privati.

E’ un cammino che ci riporta indietro, al tempo in cui le società umane erano matriarcali, e la Grande Madre era venerata come una divinità…

… un tempo in cui un budello come questo, che si apre sul costone roccioso di questa altura, richiama alla mente subito l’immagine del ventre materno…

Si tratta in realtà di due grotte comunicanti, una grande ed una più piccola…

La Grotta "de lu carottu" a Parabita

…sono unite da un foro, appunto, “lu carottu” che era per le genti della zona il “passaggio” da affrontare in un determinato periodo dell’anno e della vita…

Mi raccontano gli anziani di Parabita che ancora fino agli ’60 del secolo scorso, in primavera, i ragazzini nel periodo della pubertà venivano qui per affrontare il “passaggio”… passare dalla grotta piccola a quella grande, da questo buco… e segnare così il loro ingresso nell’età adulta.

Non sempre il ragazzo ce la faceva, a passare, il pertugio non è molto agevole. Così, fra le memorie che ho raccolto, i ragazzini che ce l’avevano fatta erano “figli di buona madre”, mentre per quelli che sventuratamente non ce l’avevano fatta cominciava un triste periodo di insulti e derisione, erano etichettati come “figli di puttana”.

Il luogo venne poi “cristianizzato”, come accadde al sito della pietra forata di Calimera (divenuto una chiesa), e qui c’era un affresco con l’immagine della Madonna. Oggi purtroppo è scomparso, ed a memoria è stata posta una Madonna più recente.

Certo, è un luogo arcano, che trasmette una certa energia ancora oggi, per via del suggestivo paesaggio naturale…

Sfide di sopravvivenza, slanci di impeto giovanile, speranze di abbondanza, sono i desideri reconditi che si celavano dietro questi ancestrali culti, nelle primavere di un Salento vivo e lontano nel tempo.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La Grotta “de lu carottu” a Parabita

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.