Il rito della pietra forata di Calimera

Dopo millenni, il suggestivo culto del passaggio attraverso la pietra forata, si ripete ancora oggi, puntualmente, ogni anno. Un rito arcano, preistorico, diffuso in diversi angoli del mondo, dalla Norvegia al Giappone, fino al Nord America. Una tradizione ancestrale che ha radici profonde anche nel Salento, come abbiamo già notato in un’altra occasione.

A Calimera, il giorno dopo Pasqua, fiumi di persone accorrono a vivere il passaggio attraverso il foro della pietra che la chiesetta rurale di San Vito nasconde nelle sue campagne. Una chiesetta nominata nelle fonti per la prima volta nel 1468, descritta con una cupola ed impostata come la classica chiesa di rito greco, come erano le genti del circondario.

1

La pietra in realtà è uno spuntone di roccia che emerge dalla madre terra. Già, esattamente la Madre Terra è l’origine di questo culto, in epoca neolitica, quando per le popolazioni dei dintorni l’agricoltura ed i campi erano la vita, ed invocare la fertilità era la spinta incessante di chissà quanta gente, che nei millenni ha reso liscia la roccia nel suo interno, a furia di passarci strisciandoci dentro.

pietra forata di calimera

La chiesa gli fu costruita intorno, quando il Cristianesimo cominciò a radicarsi in queste terre, e che per avere facilmente la meglio su questo culto antico lo ha inglobato anche nel significato!

pietra forata di calimera

Grandi e piccini si danno il cambio alternandosi nel passaggio. Un passaggio largo circa 30 cm, che parrebbe improponibile per certe stazze, che invece misteriosamente riescono a varcare la soglia…

pietra forata di calimera

pietra forata di calimera

Il buco rievoca indiscutibilmente l’organo sessuale femminile, e il suo attraversamento è una metafora chiaramente sessuale, poiché la pietra infonde secondo la credenza fertilità a chi lo attraversa. Questo passaggio non deve far ricordare all’individuo il momento della propria nascita ma invece sta a indicare una rinascita vera e propria, nel corpo e nella mente, attraverso l’utero rappresentato da questo emblematico monolite.

pietra forata di calimera

Il culto arcaico si è ovviamente dissolto. Per i calimeresi è diventato nei secoli il luogo della “pasquetta”, la festa del Lunedì dell’Angelo. Per la chiesa il suo significato originario è stato trasfigurato nella rappresentazione della Pasqua del Signore, la rinascita, la speranza per gli uomini di una vita ultraterrena.

pietra forata di calimera

Sulla pietra si può notare ancora un antico affresco raffigurante un volto, forse quello dello stesso San Vito.

pietre forate nel salento

E non sembrerebbe l’unico caso, nel Salento. A Campi e San Donato, altre due pietre simili sono state trovate e oggi custodite, che mostrano molte somiglianze con quella più famosa di Calimera. Un mondo lontano e genuino ritorna con queste immagini dal passato, per farci riflettere sulle più semplici e vitali esigenze, le uniche insostituibili per il genere umano.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il rito della pietra forata di Calimera

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.