Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website Il paesaggio e l’uomo

Il paesaggio e l’uomo

Il paesaggio del Salento, nonostante la forte antropizzazione del territorio, ha conservato caratteristiche che lo rendono affascinante, nel suo carattere selvaggio. L’uomo ha certamente invaso gran parte del suo skyline, ma non gli ha sottratto quel fascino millenario che attrasse qui i primi uomini migliaia di anni fa. Questa è una piccola cartolina per rendere omaggio a questa terra. 

Un viaggio senza schema, libero come il volo di un gabbiano, scorrazzando da un punto all’altro della piccola penisola, da nord a sud, senza criterio. Cominciamo da un singolare paesaggio che possiamo ammirare nelle campagne fra Taviano e Gallipoli, un panorama, appunto, selvaggio, dominato da grandi massi, situati su una piccola altura…

paesaggio

Questa località era certamente nota al grande scrittore salentino Luigi Corvaglia, quando scrisse “Finibusterre”, dove molto probabilmente lo descrisse…

paesaggio

La mano dell’uomo si intravede persino in questo paesaggio, attraverso quel cippo nella foto in basso, che spunta misteriosamente nel nulla della natura…

paesaggio

Un luogo che, sarà per l’altura ed i massi ciclopici buttati selvaggiamente dal Tempo su questa cartolina, somiglia molto alla collina del Masso della Vecchia, a Giuggianello…

4

Seguendo isolati tratturi di campagna, qui siamo in agro di Cannole…

paesaggio

Terra rossa e pagghiare bellissime sono le due facce di questa medaglia…

paesaggio

Anche questo è un luogo situato su un’altura, seppur leggera, e da qui si può ammirare anche il mare, ed in certi giorni i monti dell’Albania.

7

8

Alberi e fiori, spontanei o importati, si intrecciano ormai da soli insieme, in solitudine.

9

Agro di Ruffano. Abitazioni contadine di un tempo lontano, nei campi della città. Con i melograni come albero da frutta.

marina di salve

Marina di Salve, la pagghiara davanti al mare.

11 salve

Salve, questa volta siamo più all’interno, davanti alla caratteristica Liama, la casa tipica della tradizione contadina di questa zona.

12 la montagna spaccata

Costa galatonese, la Montagna Spaccata, una sfida suggestiva dell’uomo alla natura. Vince la bellezza, comunque.

13 tra supersano-cutrofiano

Uno specchio d’acqua nelle campagne fra Supersano e Cutrofiano. Luogo di ritrovo per uccelli migratori. E per cacciatori.

14 cannole

L’olivo e l’uomo, una storia millenaria di simbiosi e amore… sopra siamo a Cannole…

15 galatone

…agro di Galatone…

16 scorrano

…ed infine Scorrano. Per fare solo pochi esempi!

17 cesine

La suggestione quasi tropicale delle Cesine!

18 serranova

Le dolci colline di Carovigno, i poetici trulli, con vista sul mare.

19 castellaneta

I canjon selvaggi delle gravine delle Murge tarantine. Qui in agro di Castellaneta.

20

Sembra un panorama greco. Siamo sulle murge ostunesi.

21

Le colline di Fasano, fra il verde degli olivi.

22

La gravina di Mottola, e le chiese rupestri, come se fossero da sempre un’unica cosa. Chiudiamo con questa foto questa piccola galleria di un panorama straordinario!

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il paesaggio e l’uomo

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.