La grande storia di Muro Leccese

Muro Leccese è una città simbolo dell’antichità e delle varie civiltà che si sono succedute nel Salento. Le tracce della storia umana partono decisamente dalla preistoria, come dimostrano i numerosi menhir rinvenuti su tutto il territorio. Poi giunse la grande epopea messapica, inglobata da quella civiltà più avanzata che furono per secoli i romani. Ai periodi più bui delle invasioni barbariche successe la ripresa nel medioevo, sopratutto con l’inossidabile dinastia dei Protonobilissimo, il cui grande palazzo ancora oggi, dalla piazza principale del paese, dimostra la potenza raggiunta allora dalla città.

1

Muro Leccese, Palazzo del Principe.

2

Muro Leccese, Palazzo del Principe, interno.

3

Muro Leccese, Palazzo del Principe, interno coi particolari del Museo.

4

 

5

Scavi intorno al Palazzo del Principe.

6

Graffiti nelle prigioni del Palazzo del Principe.

7

Chiesa madre Madonna Annunziata

8

Chiesa madre Madonna Annunziata, interni.

9

Chiesa madre Madonna Annunziata, interni.

10

Chiesa madre Madonna Annunziata, interni.

11

 

12

 

13

 

14

 

15 dell'Immacolata

Muro Leccese, chiesa dell’Immacolata.

16

Muro Leccese, chiesa dell’Immacolata, interni.

17

Muro Leccese, chiesa dell’Immacolata, interni.

18

 

19

Muro Leccese, Chiesa e convento dei Domenicani.

20

Muro Leccese, Chiesa e convento dei Domenicani, interni.

21

Chiesa e convento dei Domenicani, interni.

22

 

23

Chiostro dei Domenicani

24

 

25

Frantoio dei Protonobilissimo

26

Il frantoio dei Protonobilissimo contiene una parete graffita veramente interessante, perché in essa il professore Paul Arthur, dell’Università del Salento, ci ha riconosciuto l’epopea della battaglia di Lepanto, la grande battaglia che vide coinvolti nel 1571 la flotta cristiana (una parte della quale partita propria da Gallipoli) e quella turca…

27

Frantoio, graffiti della battaglia di Lepanto.

28

Frantoio, graffiti della battaglia di Lepanto.

29

Frantoio, graffiti della battaglia di Lepanto.

30

Frantoio, graffiti della battaglia di Lepanto.

La città messapica, che dalle fonti attuali risulta senza nome, si può ancora riconoscere, oltre che dai reperti custoditi nel Museo di Lecce, anche dalle vestigia rimaste, delle mura, dei perimetri dell’abitato e dalle necropoli…

31

 

32

 

33

 

34

Menhir Trice

35

Cappella dei Santi Medici

36

Cappella dei Santi Medici

Il medioevo è il periodo che ha lasciato più tracce ancora visibili, in città. Il monumento principe in questo senso è la chiesetta di Santa Marina, una delle più antiche di tutto il Salento, visto che rimanda addirittura al IX secolo. Conserva dei preziosi affreschi, anche questi dalla grande importanza storica…

37

38

Muro Leccese, chiesa di Santa Marina, interni.

39

Muro Leccese, chiesa di Santa Marina, interni.

40

Muro Leccese, chiesa di Santa Marina, interni.

41

 

42

 

43

Altra preziosa testimonianza del medioevo di questo territorio è la chiesa di Santa Maria di Miggiano, che risale al 1300, e testimonia l’importante omonimo casale che insisteva in questa parte del territorio murese…

44

45

Santa Maria di Miggiano, interni.

46

Santa Maria di Miggiano, interni.

47

48

50

Menhir Miggiano

muro leccese

Menhir Crocefisso

mura

Mura megalitiche

1

Chiesa del Crocefisso

2

La chiesa del Crocefisso fu costruita durante il 1500, sulle rovine di un’altra chiesetta bizantina, che sorgeva a sua volta sopra un altro casale medievale, quello di Brongo…

3

4

5

6

Muro Leccese è un viaggio da ripetere, perché così tante sono le sue peculiarità, che un viaggio in questo mirabile borgo del Salento ne richiede sempre un altro successivo!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La grande storia di Muro Leccese

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.