Il Crocifisso di Muro Leccese

Muro Leccese, stupenda città d’arte, ricca di storia in ogni epoca, dalle origini fino ai nostri giorni, custodisce autentici tesori anche fuori dal perimetro del Borgo antico, come nel caso della sontuosa chiesa del Crocifisso, sita in un parco verde che è una delizia per i bambini. Si tratta di un monumento non sempre visitabile, che però ai primi di maggio di ogni anno apre i battenti per fedeli e turisti.

In questo periodo infatti si svolge la festa del Crocifisso, che termina con una processione che giunge dalla città proprio qui. Un tempo quest’area ospitava il villaggio medievale di Brongo, e proprio sulle rovine della sua chiesetta, d’epoca bizantina, sorse nel 1573 l’attuale monumento.

1

In origine era dedicata a San Giovanni Battista, si presenta all’esterno con un aspetto austero, quasi severo…

2

…ma l’interno è un’esplosione barocca, degna del periodo nel quale fu realizzata!

Crocifisso

Spicca l’opera scultorea che riempie l’altare centrale, dedicata alla Crocifissione, realizzata dal grande artista alessanese Placido Buffelli…

Crocifisso

5

Pregevoli anche le statue di Santa Caterina d’Alessandria e Santa Lucia…

6

7

I particolari delle sculture catturano lo sguardo, per la loro ricchezza di particolari e rifiniture…

8

9

Sulla destra, rispetto all’altare centrale, c’è quello dedicato a San Giovanni Battista…

10

…mentre dall’altro lato un’altra meraviglia, il tema questa volta è la Pietà…

Crocifisso

12

…fra uno sfolgorante luccichio di putti, corone e motivi floreali…

Crocifisso

Crocifisso di Muro Leccese

L’esterno, su un lato, un portale scolpito in pietra leccese rivela altre immagini sorprendenti…

15

…storie di santi, anche abbastanza rare, come quelle di Santa Maria Egiziaca, e la Maddalena, colte nell’atto del loro peregrinare…

16

Arriva la processione, dal borgo antico…

Crocifisso

…ora l’atmosfera è perfetta… tutto in tono, fra storia, arte e religiosità… uno spaccato di questa cittadina che ruberà il cuore a qualsiasi turista!

Crocifisso

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Crocifisso di Muro Leccese

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.