muro leccese tagged posts

Pompignano, il tempio abbandonato

La cappella di Santa Maria di Pompignano è uno dei numerosi luoghi storici abbandonati al proprio destino, in un Salento sempre più lontano dalle proprie origini, che non riesce più a custodire i segni del proprio passato. Si tratta di una chiesa rurale, il cui nucleo più antico risale forse al X secolo. E’ costruita ad unica navata, e ristrutturata fra Tre e Quattrocento.

Pare ...

Read More

Il Museo Archeologico di Muro Leccese

Il Museo Archeologico di Muro Leccese ha raggiunto una tale bellezza espositiva ed un’esauriente esposizione narrativa che lo rende uno dei contenitori più importanti del panorama salentino, cosa non facile da ottenere, in un territorio come il suo, talmente ricco di sfaccettature e periodi storici diversi fra loro, che si alternano e si danno il cambio in un entusiasmante galoppata nei secoli.

La nu...

Read More

La Santa Barbara dimenticata fra le querce

Vagando sui testi più rari sulla storia del Salento, un giorno trovai il riferimento ad un’antica chiesa dedicata a Santa Barbara, costruita con enormi monoliti, che si trovava lungo la vecchia strada che un tempo portava da Muro Leccese a Otranto, esattamente in contrada Lacco, o Laccu. Non c’era altra notizia, ma il particolare delle grandi lastre mi incuriosiva molto.

Di solito, ...

Read More

La chiesa di Santa Marina a Muro Leccese

Una delle chiese più antiche di Terra d’Otranto, Santa Marina, nell’antica città di Muro Leccese, si conserva ancora oggi in buone condizioni, col suo fardello di storia ed affreschi, che ci riportano al periodo bizantino di questa terra. Costruita probabilmente nel IX secolo, utilizzando grossi blocchi monolitici della cinta muraria della città messapica, il tempio è oggi uno scrigno abbagliante per il visitatore.

Salvata rec...

Read More

La grotta sepolcro di Muro Leccese

La città messapica di Muro Leccese custodisce lembi della sua storia ancora nascosti, che meriterebbero maggiore attenzione. E’ il caso di un interessante ipogeo, scavato interamente nel banco roccioso, nel quale sono incappato, perlustrando la campagna che da Muro porta a Sanarica. Il solito, grande, ficus secolare ha attirato l’attenzione e così ci sono quasi inciampato dentro!

L’ingresso ...

Read More