Messapia: la terra tra le acque

Agli albori del mito fluttuava tra le acque una terra tempestata di foreste popolate di alberi disposti a corona per fare ombra con le loro chiome ad uno scrigno di tesori. Per la sua posizione strategica, che la vedeva circondata da tutti i lati dal mare, 

i coloni greci, alla ricerca di terreni fertili da colonizzare la denominarono così, Messapia, e i popoli che vi si insediarono di genia cretese, illirica e locrese, poiché avevano suggellato tra loro un patto d’amicizia in mare aperto (in salo), vennero etichettati dalle fonti letterarie di età romana come Sallentini. Ma Messapia, oltre ad essere la terra tra i mari Ionio e Adriatico, era anche la “terra di mezzo” tra il territorio controllato dagli Iapigi e il mondo ellenico. Essa era suddivisa in Calabria a settentrione e in Sallentina a meridione e coloro che la detenevano, i Calabri e i Sallentini, erano i discendenti delle bellicose tribù di stirpe illirica emigrate, tre generazioni prima della guerra di Troia, dai Balcani.

messapia

Mappa della Messapia

Sin dall’età del Bronzo la penisola del sale si lasciò sedurre dai flussi e dagli influssi egeo-balcanici, che si cementarono con l’approdo delle zattere degli Iapigi partiti dalla riva opposta dell’Adriatico. L’esodo, nell’età del Ferro, riversò, a più ondate, nei villaggi dell’entroterra, eserciti di profughi, depositari dei segreti metallurgici per forgiare armi e attrezzi agricoli.

egnazia

Ricorrendo ad inauditi atti di violenza, e, in qualche caso, offrendo doni e stringendo alleanze si amalgamarono con gli indigeni con i quali presentavano affinità linguistiche rimandabili ad un comune ceppo tribale. Soluzioni tecnologiche evolute vennero adottate nel settore della produzione ceramica, che iniziò ad assumere motivi geometrici, traendo ispirazione dal patrimonio decorativo, sfoggiato sui manufatti della valle del Devoll in Albania e su quelli provenienti dalle isole del mare Egeo.

messapia

Messapia. Kalathos, Museo Archeologico di Ugento

Assurto al rango di interlocutore privilegiato attraverso il quale smistare gli scambi commerciali tra Oriente e Occidente, il Salento, fece tesoro dell’esodo illirico e del naufragio cretese narrato nel V sec. a.C. nel Libro delle Storie di Erodoto. Nel racconto dello storico greco le imbarcazioni dei Cretesi, mentre facevano ritorno dall’assedio della roccaforte di Camico per vendicare il re Minosse, trucidato nella reggia di Cocalo, vennero scaraventate dai marosi sulle candide scogliere del promontorio iapigio, e i superstiti, sopraffatti dagli eventi, decisero di insediarsi nel luogo, dove erano stati fatti naufragare, fondando la città madre di Hyrie, corrispondente all’antica Vereto; da qui si diramarono, trasformandosi da isolani in continentali e da Cretesi in Iapigi Messapi. In questa spirale si anniderebbe il nucleo primordiale della fondazione di ulteriori insediamenti di origine cretese, alcuni dei quali vanterebbero come fondatore, secondo la versione riportata nelle Antichità Romane da Varrone, Idomeneo di Litto; il sovrano cretese a capo di esuli cretesi, illirici e locresi, riuscì ad approdare lungo le sponde del litorale salentino così come Enea in fuga da Troia.

museo archeologico

Messapia. Museo archeologico di Vaste

Al di là delle versioni contrastanti, infarcite di mito, storia e leggenda e incentrate sulla commistione tra genti indigene, illiriche, locresi e cretesi, che, in vari tempi e vari modi, contribuirono a comporre le tessere del mosaico delle origini di una delle civiltà indigene più rappresentative nel panorama italico, la documentazione archeologica, come una cartina al tornasole, ci restituisce l’immagine di un Salento deputato, sin dall’antichità, ad accogliere e a svolgere il ruolo di teatro di scambi commerciali e culturali tra i popoli, che si affacciavano lungo il bacino del Mediterraneo. A partire da età micenea si intensificarono i rapporti sino a consentire non solo l’esplorazione, ma anche l’attivazione di empori sulle coste da cui venivano veicolati verso l’entroterra vasellame e prodotti trasbordati dai pionieri dei mercati, che, come gli eroi omerici, sfidavano il mare. Seguendo le rotte della memoria e il fulgore delle costellazioni questi arditi navigatori si affidavano ad un vento pronto a gonfiare le vele delle loro imbarcazioni, ma anche a squarciarle, fino a farli naufragare. Animati da spirito di intraprendenza e da avidità di guadagni salpavano da Corinto o dalle isole di Itaca o di Corfù, e, dopo aver solcato lo Ionio, puntavano verso il promontorio di Santa Maria di Leuca, oppure, dopo aver risalito il tratto della costa albanese, racchiuso tra Valona e Durazzo, si dirigevano verso Brindisi, Rocavecchia e Otranto.

cippo messapico

Messapia. Uno dei cippi con iscrizione messapica ritrovato a Otranto

A partire dalla prima metà dell’VIII sec. a.C. i traffici commerciali sul Canale d’Otranto proliferarono, dilagando a macchia d’olio sin nell’entroterra. Nella seconda metà dello stesso secolo, dopo una lunga fioritura, giunsero a maturazione i frutti del riscatto economico e culturale iapigio, che portarono ad un incremento demografico, sfociato nella nascita come funghi di villaggi a capanne sia sul litorale che nell’entroterra, preludio alla fondazione degli insediamenti messapici, protetti da una poderosa cinta muraria in grossi blocchi squadrati, secondo i parametri greci, e collegati con porti e approdi incastonati in promontori con valenza sacrale.

mura messapiche di manduria

Manduria, le mura di una delle città più grandi della Messapia

Come un puzzle si componeva il quadro insediativo della Messapia, delimitata a settentrione da Gnathia (Egnazia) e a meridione dall’Akra Iapyghia corrispondente al Capo di Leuca. Nel VI sec. a.C. il soffio dell’età arcaica contribuì alla costruzione di case con alzato in pietra o in mattoni crudi e ricoperte da tegole, mentre cuoceva a fuoco lento il contrasto tra il mondo coloniale greco e quello messapico stregato dal fascino culturale ed artistico della colonia laconica di Taras (Taranto), destinata, secondo la profezia, a divenire flagello per gli Iapigi.

mura messapiche di castro

Messapia. Castro, fortificazioni

Iniziarono ad essere frequentati non solo i luoghi sacri indigeni, delimitati da cippi, ai piedi dei quali, come rito propiziatorio, venivano versate libagioni agli dei, ma anche i santuari di stampo magno greco come quello di Monte Papalucio ad Orra (Oria), ospitato in un antro e rinomato per la ricchezza dei depositi votivi offerti alle divinità tesmoforiche della fecondità Demetra e Kore. Nei recinti sacri, come quello di Ozan (Ugento), al cospetto del simulacro del dio fulminatore, veniva recitato il mantra Klaohi Zis (ascolta o Zeus) affidato alle ali del vento e ai nugoli di fumo delle vittime sacrificali per essere innalzato fino al cielo.

zeus di ugento

Lo Zeus di Ugento, simbolo della Messapia

Per rinascere a nuova vita non vennero più disperse le ceneri dei defunti, ma, le spoglie mortali, dopo il corteo funebre venivano inumate in tombe a fossa o a camera insieme ad un corredo più o meno ricco in base al rango sociale. Nelle tombe maschili venivano riposti gli oggetti attinenti alla sfera del banchetto, della palestra e della guerra, mentre in quelle femminili oltre a terrecotte figurate, fibule, spilloni e gioielli, dominavano le immancabili trozzelle (una sorta di anfora per acqua dotata di anse sormontate da quattro o più rotelle) divenute simbolo della civiltà messapica, che germogliò nel mare del mito della terra tra le acque.

Messapia: la terra tra le acque

testo di Lory Larva

foto di Alessandro Romano

 

FOTOGALLERY MESSAPIA

museo archeologico

Oria, Centro di Documentazione Messapica

trozzella

Brindisi, Museo Archeologico: trozzella, uno dei simboli della Messapia

vaste

Messapia. Vaste, museo archeologico

cisternale di vitigliano

Cisternale di Vitigliano (S.Cesarea Terme), un luogo le cui origini sono avvolte nel mistero.

messapia

Messapia. Egnazia, porto (Fasano).

erchie

Erchie, ingresso alla Grotta dell’Annunziata, frequentata in altomedioevo, ma quei lastroni forse indicano un utilizzo (ed un culto) precedente ai monaci.

uova

Oria, Centro di Documentazione Messapica

CAVALLINO

Cavallino, porta a nord-est

cariatidi di vaste

Cariatidi di Vaste (Museo del Parco Archeologico).

castello d'alceste a san vito dei normanni

San Vito dei Normanni, Castello d’Alceste.

castello d'alceste a san vito dei normanni2

La collina di Castello d’Alceste e le ricostruzioni del Museo diffuso delle abitazioni d’epoca.

ipogeo palmieri di lecce

L’Ipogeo Palmieri di Lecce (guarda l’articolo)

li castelli san pancrazio

San Pancrazio Salentino, sito messapico de Li Castelli.

manduria

Manduria, Parco archeologico.

manduria fonte pliniano

Manduria, l’ingresso della grande caverna del Fonte Pliniano.

Mappa_Soleto

La “Mappa di Soleto”, indica alcuni centri messapici del Salento. Sarebbe il primo caso di mappa topografica prima dei Romani.

Muro Leccese, le mura messapiche.

Muro Leccese, le mura messapiche.

necropoli messapica di ugento

Necropoli messapica di Ugento

necropoli monte d'elia alezio

Necropoli messapica di Alezio

oria monte papalucio

Oria, il Santuario messapico di Monte Papalucio (guarda l’articolo)

oria

Oria, monumentale tomba messapica.

pezza petrosa villa castelli

Villa Castelli, necropoli di Pezza Petrosa.

6

La torre messapica di Giuggianello (leggi l’articolo).

pozzo seccato acquarica di lecce

Acquarica di Lecce, insediamento messapico di Pozzo Seccato.

19

Muro Tenente (vedi l’articolo)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

(Fotogallery in continuo aggiornamento)

6 comments to Messapia: la terra tra le acque

  • Anonimo  says:

    My brother suggested I might like this web site.
    He was entirely right. This post truly made my day.
    You cann’t imagine just how much time I had spent for this information! Thanks!

  • Matthew C. Kriner  says:

    I just want to tell you that I am newbie to weblog and honestly liked this blog. Almost certainly I’m going to bookmark your website . You amazingly have terrific article content. Kudos for sharing with us your website page.

  • Armando Neuner  says:

    I just want to mention I am just all new to blogging and absolutely enjoyed you’re blog site. More than likely I’m going to bookmark your blog post . You surely have perfect article content. Regards for sharing with us your web page.

  • Luigi Fulk  says:

    I simply want to say I’m new to blogging and site-building and absolutely savored this blog. Very likely I’m planning to bookmark your website . You absolutely come with really good stories. Bless you for sharing your blog site.

  • Chadwick Casaceli  says:

    I simply want to tell you that I am just new to blogging and site-building and actually liked your website. More than likely I’m likely to bookmark your site . You surely come with fantastic posts. Kudos for sharing your website.

  • lflhjsqgxz  says:

    Excellent goods from you, man. I have understand your stuff previous to and you are just extremely fantastic. I actually like what you have acquired here, certainly like what you are stating and the way in which you say it. You make it entertaining and you still take care of to keep it wise. I can not wait to read much more from you. This can be actually a wonderful web site.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.