La collina sacra di Monte Papalucio a Oria

Il sentimento religioso è stato per l’uomo come la sua ombra. Sempre presente, fin dalla Preistoria. Prima ancora dei tempi, delle costruzioni umane, un santuario naturale, come a Oria. Salire su Monte Papalucio, verso il cielo azzurro di una domenica mattina, è senz’altro un’esperienza che riporta l’animo ai riti semplici e pieni di speranza di un mondo arcano e indomabile, di un uomo ancora pieno di paure di dei e titani da placare. Un tempo lontano, ma non abbastanza per farlo dormire per sempre nel profondo dell’inconscio umano.

1

La collina si erge imponente di fronte alle altre alture circostanti, davanti alla città vecchia di Oria, il suo castello, la Cattedrale…

oria

Era questo il Santuario messapico. Un luogo speciale, dove forse per primi, fra gli indigeni della Japigia, si cominciò a usare la scrittura…

3

Qui, a tornare indietro nel tempo, si rivedrebbero processioni di “fedeli”, intenti a portare le loro offerte alla divinità, invocando fertilità, raccolti, primavera…

4

Nella grotta principale, da cui si vede bene svettante il famoso castello, non c’è rimasto niente che ci riporti a quelle consuetudini. Si può solo visitare questa ampia cavità naturale, intorno alla quale secoli addietro suonavano flauti e cembali, che accompagnavano i visitatori…

5

… i mandorli sono in fiore, come allora…

6

Il panorama è veramente suggestivo. Tuttavia, la collina nasconde altre cavità, alcune veramente inaspettate…

7

…su un fianco della collina si apre questo profondissimo tunnel, che invita all’avventura…

8

Custodisce altri vani laterali, e pare veramente addentrarsi nelle viscere della terra… ma dopo un pò dobbiamo fermarci, per via di un crollo che ostruisce il passaggio. Non ci sono tracce di reperti. Forse risale alla seconda guerra mondiale, sembrerebbe più un bunker. Forse riutilizzato per lo scopo…

9

A metà collina c’è lo scavo archeologico, purtroppo devastato dalla natura stessa e dalla mancanza di tutela…

10

…e intorno è pieno di cocci e vasellame…

11

…ma a questo punto, se si vuole approfondire, la passeggiata deve proseguire nel Centro di Documentazione Messapica, nel bellissimo centro storico di Oria…

12

Fra questi paesi, i viaggi non finirebbero mai!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La collina sacra di Monte Papalucio a Oria

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.