Il villaggio di Roca nuova

La storica città di Roca, ed il suo porticciolo, importante villaggio dell’età del Bronzo, poi centro messapico ed infine medievale, conobbe la totale distruzione ed abbandono durante il periodo delle scorrerie turche. La sua posizione davanti all’Adriatico ne faceva un sito ormai indifendibile, ed inoltre divenuto pure covo di malfattori, quindi Carlo V vi rinunciò senza pensarci sopra.

E come ci riportano le fonti:… “Si vede quivi un porticello comodo pe’vascelli, che vi capitano dall’Oriente, per i traffichi e comodità delle acque eccellentissime che vi erano di un fonte sulla rivo del porto, il quale per ordine della maestà cattolica di Filippo II re di Spagna fu assieme colla terra l’anno 1544 soffogato e distrutto da Ferrante Loffredo, Governatore a quel tempo della provincia. La quale terra, perché si dubitava che non fosse presa dal Turco, come quella che stava alla frontiera della Vallona, fu trasferita miglia quattro infra terra, dove oggi si vede, e si conservano i suoi cittadini, chiamandosi Roca Nuova”.

Roca nuova

E’ uno dei pochi villaggi medievali rimasti quasi integri, e ci riconsegna un aspetto di vita dentro cui ancora oggi possiamo immergerci, e non senza una certa emozione.

Roca nuova

L’edificio che spicca su tutti gli altri è la massiccia torre, costruita a metà del 1500.

IMG_6362

Era estremamente difesa, da diverse caditoie, vere e proprie “bocche di fuoco” che avrebbero scoraggiato assalti estemporanei.

Roca nuova

L’insediamento era dotato di tre pozzi per il rifornimento d’acqua.

IMG_2481

Ovviamente l’intero villaggio era fortificato e murato.

IMG_6360

In un locale della torre centrale vi era la prigione, che come abbiamo visto nel Castello di Lecce, ed anche in altri palazzi nobiliari, è interamente graffita dai “ricordi” dei prigionieri…

IMG_2473

…e la vista di queste immagini lasciano incantato il visitatore…

IMG_2474

Le figure riprodotte sono le classiche di questi ambienti: navi, mani, uomini…

IMG_6372

Le navi sono eseguite con una perizia che lascia facilmente immaginare come queste persone conoscessero bene navigli e imbarcazioni…

IMG_6375

Fra le altre figure, anche animali…

Particolarmente interessante mi sembra questa nave graffita, che reca accanto a sè quella che sembra essere la firma del suo esecutore. Uno sfortunato marinaio di cui non sapremo mai nulla, forse!

IMG_2472

Ovviamente alla cittadina non mancava la chiesa. Costruita intorno al 1589, era dedicata a San Vito e conserva ancora qualche affresco ed un altare integro…

IMG_6350

IMG_6352

IMG_6356

Oltre all’altare, epigrafi ed elementi architettonici…

IMG_6357

IMG_6380

Un frantoio costituiva l’attività “industriale” del borgo, che macinava le olive degli alberi di cui era completamente circondato…

IMG_5288

Ovviamente, Roca nuova è disabitata da tempo…

…la finestra sul suo piccolo mondo antico racconta solo di fantasmi…

IMG_6382

…ma una visita in questi luoghi certamente non mancherà di far rivivere nel visitatore immagini d’altri tempi!

(Grazie all’amico Lucio Calderazzo, che ha contribuito a questa pagina con alcune sue fotografie, ed anche alla prof. Giovanna Maggiulli che tramite l’associazione Vivarch rende fruibili luoghi come questo!)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Il villaggio di Roca nuova

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.