Il Museo Archeologico Colosso di Ugento

Fra le meraviglie di Ugento, grande città messapica, il visitatore non può evitare di scoprire la collezione archeologica “Colosso”, custodita nell’omonimo palazzo e creatasi nel XIX secolo, ad opera di una famiglia illuminata, cominciata dal Barone Colosso e proseguita da Adolfo, altro illustre ugentino doc.

Questo preziosissimo scrigno della storia di questa città è custodito ora dagli eredi di famiglia, Luigi e Massimo, in una collezione privata resa fruibile grazie alla loro disponibilità ed al Sistema Museale Ugento.

Il Museo Archeologico Colosso di Ugento

Il Museo Archeologico Colosso di Ugento

Fra i reperti più celebri, resta il capitello su cui montava la celeberrima statua dello Zeus, ora esposta nel Museo Archeologico di Taranto. 

Il Museo Archeologico Colosso di Ugento

4

I reperti del Museo sono databili dal VI secolo a.C. all’età ellenistica e consistono soprattutto in ceramiche indigene, come le tipiche trozzelle, un vaso che caratterizza la cultura messapica. Ma ci sono anche opere di importazione greca, che stanno a testimoniare come i contatti che avevano gli indigeni col resto del Mediterraneo fossero intensi.

5

6

7

Bellissima la riproduzione di un telaio tipicamente messapico!

8

Nella collezione sono presenti anche diverse epigrafi, alcune difficilmente leggibili, reperti scultorei, alcuni risalenti alla fine del IV sec. a.C ed un torso maschile in pietra.

9

10

Caratteristici anche i maialini, che ritroviamo spesso nelle città messapiche, da Egnazia a Oria fino al capo di Leuca.

11

12

13

14

La collezione vanta in tutto 794 reperti, che vanno dal VI sec. a.C. all’età altomedievale, a cui si aggiungono anche esemplari di età moderna quali armature, armi e palle di cannone, che la rendono ancora più interessante!

15

16

17

Ricchissima pure la collezione delle monete…

18

…insomma, chi viene a Ugento in cerca di grandi suggestioni dal Passato, non resterà deluso!

 

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

seguici-su-FB

Il Museo Archeologico Colosso di Ugento

4 comments to Il Museo Archeologico Colosso di Ugento

  • Emanuele  says:

    Grazie per questo sito! siete incredibili 🙂

  • Emanuele  says:

    Grazie per questa interessante lettura!

  • Enzo Camassa  says:

    Bellissimo e interessante! Ho visitato il bel museo archeologico di Ugento, ma non il Colosso. Ci dovrò ritornare. Vi vorrei segnalare una visita alla casa-museo Ribezzi-Petrosillo di Latiano, di cui sono un collaboratore. Non rimarreste delusi!

    • salentoacolory  says:

      Carissimo Enzo, non vedo quel Museo da quasi 10 anni e da tempo pensavo di farci di nuovo un reportage fotografico: puoi mettermi in contatto tu? Ci tengo tanto! Grazie!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.