L’epigrafe nascosta fra gli olivi

Percorrendo un’antica strada, oggi asfaltata, che percorre le campagne olivetate fra Vernole e Melendugno, in direzione Calimera, lungo un asse viario che passa accanto alla singolare pagghiara fortificata che abbiamo visto un’altra volta, si trova un’altra costruzione interessante…

…un edificio immerso fra gli olivi, a pochi metri da quel sentiero, oggi così poco battuto.

L'epigrafe nascosta fra gli olivi

Come al solito, non riesco a resistere e balzo fuori dall’auto, avvicinandomi…

…si vede subito che non è una costruzione recente… e poi, sull’architrave d’accesso, spicca una bella iscrizione in latino!

“SI SEGETES SATA TERRA DEDI DABO VINEA VINUM. ET MERITO PRIUS EST EDERE POST BIBERE.  AN(N)O D(OMI)NI 1715. Contattato il prof. Armando Polito, mi dice che l’aveva già tradotta: “Se (io) terra seminata ho dato le messi, (io) vigna darò il vino. E giustamente prima c’è il mangiare, poi il bere. Nell’anno del Signore 1715”. L’epigrafe si rivolge direttamente al viandante che la osserva…

…perchè questo è un luogo da viandanti: sulla parete rivolta al sentiero (e solo su quella) ci sono moltissime croci graffite, di varia misura. Sembrerebbe quasi una chiesa! Purtroppo non ho trovato prove per dirlo…

…anche se all’interno, in fondo alla parete sembra esserci la “forma” di un altare mancante. Ma è di certo solo un’impressione. L’ambiente è voltato a botte…

…sulla sinistra c’era un camino, ed uno stipo ricavato nel muro…

…attorno al quale vi è un assembramento di graffiti, di non facile interpretazione…

Accanto a figure di uomini, stilizzati, sembrano ergersi alte vele di navi…

…che non sarebbero una novità, in ambienti frequentati da viandanti…

Le “vele” sono diverse…

… e si ripetono, accompagnate da qualche omino.

Sulla parete destra invece, un crollo mostra una scala che porta al terrazzo. Un edificio che non è così semplice come le classiche pagghiare…

…che si affacciano anche poco distanti, di fronte. Un piccolo luogo di storia minima rurale che mi ha allietato la consueta passeggiata domenicale nelle nostre campagne!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

L’epigrafe nascosta fra gli olivi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.