Lungo la costa del Parco Otranto Leuca

Il Parco Otranto Leuca è senza esagerazione una delle meraviglie del Salento. E’ una splendida striscia costiera, lunga oltre 60 km, che parte da Otranto, nel punto più orientale d’Italia, e prosegue verso sud, fino al Capo di Leuca, dove la penisola salentina si inabissa nel mar Jonio. Il Parco Otranto Leuca è un parco regionale della Puglia, istituito nel 2006, per proteggere una fauna, e sopratutto una flora, quasi incontaminata, che ha molte corrispondenze con quella dell’altra sponda balcanica (caso unico in Italia, vedi la varietà della bellissima quercia vallonea). Questo itinerario coprirà in lunghezza tutti questi 60 km, per dare solo un’idea di ciò che il visitatore potrà scoprire con i suoi occhi, e a cui nessun obbiettivo video fotografico potrebbe dare vera giustizia!

cava di bauxite a otranto

Si parte dalla cava di bauxite, a Otranto, un luogo singolare, un tempo appunto una cava per estrarre il minerale, poi dismessa, e infine reinventata dalla natura stessa in un angolo sorprendente, per colori, silenzio, profumi e sensazioni. Una passeggiata in questo posto, in qualunque stagione, regala un’esperienza fuori dal mondo.

SAMSUNG

Ci spostiamo lungo la costa, e comincia il viaggio. Siamo in località Le Orte, una baia di struggente bellezza, bagnata da un mare cristallino. Sullo sfondo, a sinistra si intravede la torre del Serpe, forse la più antica di tutte le vedette del Salento. Qualcuno la fa risalire ai tempi di Federico II. Ne è rimasto solo un lato, della parete circolare originaria, miracolosamente sopravvissuto ai venti sferzanti di tramontana.

le orte a otranto

Proseguendo verso sud si tocca punta Palacia, estremo est d’Italia e del Salento, su cui si erge il grande faro…

faro della palacia a otranto

otranto

Poi, il panorama si allarga a dismisura, in uno slancio selvaggio, da stordire gli occhi. Torre Sant’Emiliano domina la scena.

parco otranto leuca

Siamo a Porto Badisco, la celebre insenatura dove è posta la Grotta dei Cervi, il santuario neolitico più importante d’Europa.

porto badisco

3

Lasciamoci Badisco alle spalle, il panorama è un susseguirsi di costa rocciosa, ogni tanto ombreggiata dai pini, fra i profumi delle erbe spontanee.

4

Guardandoci alle spalle vedremo ancora Torre Sant’Emiliano, dall’alto del suo sperone roccioso…

5

Siamo giunti sotto torre Minervino. Qui la scogliera si alza smisuratamente. Custodisce un habitat naturale più unico che raro. Fra le sue rocce fioriscono ogni anno le orchidee.

torre minervino

Questa è torre Minervino, e guardando a sud si può già osservare la strada che ci aspetta.

7

torri costiere del salento

Voltandoci di tanto in tanto dietro, lo scenario è sempre mutevole, aspro, di una bellezza severa.

torri costiere

Aguzzando gli occhi si distinguono bene le torri che abbiamo già incontrato. Era la linea di sorveglianza della costa, un tempo preda costante di turchi e pirati di ogni genere.

10

Altro scenario del Parco Otranto Leuca.

torre miggiano a santa cesarea

Siamo giunti in territorio di Santa Cesarea Terme, ai piedi di torre Miggiano, posta ora davanti ad un minuscolo porticciolo.

12 torre santa cesarea

Molto sopra Santa Cesarea Terme, a 110 metri sul livello del mare, si intravede Torre Santa Cesarea.

13

Superata Santa Cesarea, la si può ancora ammirare, guardando indietro, questo scorcio fiabesco.

insenatura dell'acquaviva a diso

Diso, località Acquaviva, una delle insenature più belle di tutto il Salento. Nelle giornate di sole, i colori del suo mare, della scogliera, e della pineta che vi si è abbarbicata, toccano tavolozze difficilmente uguagliabili!

15 torre lupo

Sempre in territorio di Diso. Questa è torre Capo Lupo, un altro scenario da film.

16

Alta sopra Andrano, sorveglia la costa la torre omonima, ridotta purtroppo ormai solo ad un rudere. Mentre più a sud già si intravede torre Nasparo, lungo la tortuosa e spettacolare strada litoranea.

18

A Marina Serra incontriamo un Santuario cinquecentesco, dedicato alla Madonna della Serra. Anche questa struttura era fornita delle caditoie, come una torre di difesa, per proteggersi dai pirati.

Madonna della Serra

Ed eccoci ai piedi di torre Nasparo. Sporgendoci dal suo dirupo osserveremo la linea costiera, sorvegliata da torre Palane.

torre nasparo

torre palane

Presso Novaglie potremo lasciare la via asfaltata e seguire un meraviglioso sentiero, curato dal Parco Otranto Leuca, che conduce alle Grotte Cipolliane, uno scenario di poetica bellezza, fra la roccia e il mare, stretti in un affascinante abbraccio.

sentiero delle grotte cipolliane

Andiamo dunque “off the road”, alla scoperta di queste grotte.

grotte cipolliane

grotte cipolliane

Il mare visto dall’interno della bocca grande delle Cipolliane.

24

grotte cipolliane

26

Lasciati questi sentieri dove  non giungono suoni dal mondo “civile”, dove regnano solo i canti del mare, dei gabbiani e quelli silenziosi delle rocce, siamo ormai giunti verso Il Ciolo. Un fiordo vero e proprio, come quelli più noti della Norvegia. Solo un pò meno lungo, ma più verde e caldo.

27

il ciolo

Il Ciolo visto dall’alto del suo ponte. Il mare è così invitante che qui nessuno resiste dal gettarsi fra queste acque.

mare del salento

mari del salento

il ciolo

Il Ciolo visto verso l’interno. Un panorama veramente mozzafiato!

leuca

Il sole volge ormai al tramonto, siamo giunti a Leuca, a Finibusterre.

santuario di leuca

Lungo la costa c’è un’ultima torre costiera, quella dell'”omo morto”, dentro cui ci si riesce anche a entrare…

34 torre dell'omo morto

…la sala è circolare, ma la struttura è molto più complessa di quello che può apparire a prima vista. Peccato che ormai sta crollando…

35

Qui ormai stiamo già risalendo verso ovest, il Salento. Ma quest’altro tratto di costa sarà protagonista di un altro viaggio. Per oggi ci fermiamo qui, alla “fine del mondo”.

SAMSUNG

Anche perché dopo un viaggio simile vi assicuro che la fame è tanta. E’ un buon piatto della famosa tria ci rimetterà in sesto!

piatti tipici del salento

Lungo la costa del Parco Otranto Leuca

(che ringrazia Dajana Carrozzi per la foto di copertina e la compagnia!)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.