Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator website Entroterra brindisino

Entroterra brindisino

Le città di mare rifulgono di una storia del tutto particolare, in ogni senso legate a quell’elemento che ha dato loro la vita e la stessa ragione di esistere. Brindisi è una di queste città. Tuttavia, nel percorso che vi proponiamo in questa occasione, metteremo in evidenza le grandi peculiarità del suo entroterra. Il giro turistico parte dalla spettacolare costa di Torre Mattarelle.

entroterra brindisino

1

La linea costiera presenta una falesia fortemente erosa dall’azione marina. L’aspetto che regala è assai selvaggio, infatti giungere in questo luogo è un’impresa avventurosa! Ma lo spettacolo di questa torre aragonese, che lotta ancora oggi, stavolta contro il mare ed il vento, ripaga senz’altro di ogni disagio…

2

Ripiegando subito verso l’interno ci si imbatte in suggestive masserie abbandonate. Piene di storia, spesso fortificate, nonostante in rovina sono ancora in piedi, vive, come l’edera che si arrampica sui loro muri…

3

Questa qui sopra era un’antica abbazia, poi divenuta Masseria Villanova…

4 presso piutri

In questi paraggi ci si imbatte in uno dei pochissimi fiumi salentini con ancora l’acqua corrente. Si tratta del cosiddetto “Nfocaciucci”. Lo conoscevano bene i Messapi, che lo utilizzavano più di duemila anni fa…

5

Questo è un percorso naturalistico, quindi non possiamo fare a meno di osservare la dolcezza del paesaggio naturale intorno…

6

A proposito di Messapi, qui incontriamo ciò che resta della città di Valesio. Ed in particolare delle terme, di epoca romana, che all’epoca facevano parte di una sorta di stazione di sosta e di rifornimento, lungo il tragitto della famosa via Traiana…

valesio

Nel bel mezzo di queste campagne incontriamo il piccolo borgo di Tuturano, frazione di Brindisi. Ricco di storia, questo paese conserva ancora una torre medievale, e sopratutto la suggestiva chiesetta della Madonna del Giardino.

8 prima di malvindi

In questo luogo di culto, nascosto in un ipogeo sotto le sue mura, si trovavano disseminati antichi resti umani, probabilmente l’antico cimitero medievale…

16

17

Il viaggio prosegue, e subito le campagne ci offrono gli stupefacenti resti di un’altra stazione termale d’epoca romana. Siamo in agro di Mesagne, località Malvindi…

7

Questo percorso avventuroso prosegue quasi fuori dal tempo, quando incontriamo altre masserie, perse nel silenzio lancinante di queste contrade…

9

10

Un autentico scrigno di  tesori d’arte è la cripta di San Biagio. Siamo in territorio di San Vito dei Normanni. In un luogo sacro che contiene un’iscrizione del XII secolo…

SAMSUNG

Questo era un luogo di passaggio non solo per i pellegrini che si recavano in Terra Santa, ma anche per i celebri Cavalieri Templari…

SAMSUNG

Forse la regina delle dimore storiche di questa zona è Masseria Baccatani. Costruita intorno ad una torre innalzata dopo l’anno mille, conserva ancora tutto il fascino dei suoi secoli…

18

Attualmente continua la sua funzione di genuina produttrice dei prodotti della terra, dalle carni ai formaggi dei suoi allevamenti…

19

Il giro largo intorno a Brindisi termina di nuovo sul mare, sulle rive del Parco Naturale di Torre Guaceto…

13

Anche qui troviamo la possente torre aragonese, che domina su un paesaggio incontaminato, per gli amanti della Natura e della pace…

14

Se vi è venuto appetito, visto l’ambiente, nei dintorni si mangia… a base di pesce!

20

Per la foto di copertina si ringrazia Dajana Carrozzi, la turista delle nostre passeggiate!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

2 comments to Entroterra brindisino

  • burberry-usw  says:

    I have recently started a site, the info you offer on this web site has helped me greatly. Thank you for all of your time & work.

  • burberry-usw  says:

    I think other site proprietors should take this site as an model, very clean and magnificent user friendly style and design, as well as the content. You are an expert in this topic!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.