Il Museo Archeologico di Taranto

Quando un museo riesce coi suoi contenuti a raccontare la storia di un’intera terra, attraverso  secoli e millenni di distanza, non si è più all’interno di un semplice contenitore, ma nella migliore scuola per formare le nuove generazioni: questo è il Museo Archeologico di Taranto, uno dei più importanti a livello nazionale. Fu fondato nel 1887, all’interno del precedente Convento

di San Pasquale Baylon (XVIII secolo). Il primo piano ospita la sezione greco-romana inerente alla società tarantina. Il secondo piano, inaugurato nell’estate 2016, ospita la sezione Preistorica e dell’età del Bronzo inerente all’intero territorio pugliese.

museo archeologico di taranto 1

Personalmente, durante la mia ultima visita ho vagato quasi 4 ore in queste sale, in preda ad una vera e propria estasi di sapere, perciò mi risulterebbe molto difficile cercare di ricreare questa esperienza in un breve articolo web. Nel tentativo di indirizzare il lettore ad una visita di persona mostro qui solo una minima parte del mondo qui ricreato, certo che egli subito comprenderà! Qui sopra, questa testa di donna in terra cotta (IV secolo a.C.) ci introduce in quel favoloso mondo che doveva essere la Taranto greca, centro del Mediterraneo e della cultura di allora, come la madre patria…

museo archeologico di taranto 2

Le varie sale che si susseguono mostrano la ceramica proveniente dalla necropoli, secondo un percorso cronologico che va dal periodo della fondazione di Taranto fino all’età arcaica, tra cui spiccano le opere protocorinzie e corinzie realizzate nella città di Corinto e poi esportate. Dalle necropoli di età arcaica provengono i vasi con illustrazioni di personaggi e scene mitologiche, di grande suggestione, perché come uno scatto fotografico ci riportano alla cultura ed al vissuto dell’epoca. Di grande rilievo è la collezione di oggetti in oro risalenti al periodo che va dall’età arcaica a quella bizantina, realizzati con incredibili abilità tecnica…

museo archeologico di taranto 3

…anche piccoli oggetti di uso comune, come specchi, scatole porta trucco e spilloni. Alcune sale del museo sono dedicate ad una mostra permanente sulla società aristocratica a Taranto tra VI e IV secolo a.C.

museo archeologico di taranto 4

Fra le meraviglie del Museo c’è lo Zeus di Ugento

museo archeologico di taranto 5

Meraviglia assoluta dell’arte magno-greca è una stupenda statua bronzea, proveniente dalla grande città messapica di Ugento, che ci riporta al 530 a.C. e dentro uno spaccato fondamentale della cultura messapica e del suo Olimpo: il culto per Zis Batàs: lo Zeus saettante.

museo archeologico di taranto 6

Alto 74 cm, poggia su un capitello in stile dorico, e rappresenta il dio colto nell’attimo in cui sta per scagliare un fulmine.

museo archeologico di taranto 7

Il secondo piano del Museo, inaugurato nell’estate del 2016, ospita la sezione preistorica del Paleolitico e dell’età del Bronzo inerente all’intero territorio pugliese. Qui vediamo alcuni dei reperti provenienti dalla celeberrima Grotta dei Cervi di Porto Badisco…

museo archeologico di taranto 8

…fra cui spicca questo volto figurato dipinto della Divinità Madre. Da un orlo di vaso del VI millennio a.C.

museo archeologico di taranto 9

…oltre ad altri reperti ritrovati in grotta.

museo archeologico di taranto 10

Il ricco panorama archeologico del Salento preistorico si fregia le sue bellissime Veneri di Parabita, due piccole sculture di donne incinte, datate attorno ai 14.000 anni, che nel 1965 il prof. Giuseppe Piscopo ritrovò all’interno della grotta, in località Monaci a Parabita, che ora porta il loro nome. Sono ricavate da due frammenti ossei di animale, forse di cavallo, alte una 9 cm e l’altra 6,1.

museo archeologico di taranto 11

La Valle della Cupa, la grande depressione alluvionale del Salento centrale, ha restituito nel 1968 la più antica scultura in pietra del Salento: il cosiddetto Idoletto di Arnesano. Presso l’attuale Comune, in località Riesci, già Cosimo De Giorgi aveva individuato alla fine del 1800 l’esistenza di un villaggio del Neolitico, catalogando egli stesso numerosissimi reperti, fra armi, utensili in selce e ossidiana, oltre a tantissime terre cotte. Qui sopra, i vasi ritrovati nella sepoltura…

museo archeologico di taranto 12

…oltre ovviamente alla statua, di grande suggestione visiva…

museo archeologico di taranto 13

Nella grande collezione numismatica, una moneta che raffigura il mito di Taras, il fondatore spirituale dell’antica colonia spartana: circa 2000 anni prima di Cristo, mentre sulle rive italiche del mar Ionio Taras compiva sacrifici per onorare suo padre Poseidone, gli sarebbe apparso improvvisamente un delfino, segno che avrebbe interpretato di buon auspicio per fondare una città da dedicare a sua madre Satyria, da cui deriva il nome della odierna località di Saturo.

museo archeologico di taranto 14

Come si diceva, le scene raffigurate su vasi e ceramiche varie riportano la quotidianità della vita di allora ma anche il mito: qui sopra vediamo quello di Prometeo (“colui che riflette prima”). Era un titano amico degli uomini e del progresso: rubò il fuoco agli dei per darlo all’umanità e subì per questo la punizione di Zeus che lo incatenò ad una rupe ai confini del mondo, dove un aquila andava ogni giorno a mangiargli il fegato, perché essendo egli comunque immortale, ogni giorno gli ricresceva. Fu poi sprofondato nel Tartaro, al centro della Terra. Ha spesso simboleggiato la lotta del progresso e della libertà contro il potere.

museo archeologico di taranto 15

Qui sopra siamo davanti alla monumentale Tomba dell’Atleta, un uomo vissuto a Taranto presumibilmente nel V secolo a.C. e divenuto una leggenda…

museo archeologico di taranto 16

…campione di diverse Olimpiadi, nei vasi accanto a lui vediamo scene di gare sportive…

museo archeologico di taranto 17

…come la corsa coi cavalli o il pugilato…

museo archeologico di taranto 18

…e grazie ad un gioco di specchi, guardando in alto, si può vedere il suo scheletro: era un uomo alto 1,70 m, un vero gigante per l’epoca.

museo archeologico di taranto 19

Le sale che ospitano i reperti della sezione greco-romana mostrano una grandissima varietà di oggetti, sculture in marmo, mosaici pavimentali, tombe monumentali, sculture in pietra tenera, ceramiche delle necropoli, oreficerie. Due sale sono dedicate alle sculture in marmo risalenti all’età ellenistica. Un’altra sala espone sculture, mosaici ed epigrafi provenienti da edifici pubblici e privati, tra cui figurano le teste in pietra di carparo risalenti al periodo romano.

museo archeologico di taranto 20

I mosaici pavimentali sono di estrema bellezza!

museo archeologico di taranto 21

museo archeologico di taranto 22

museo archeologico di taranto 23

Fra i reperti più enigmatici c’è la statua di basalto del dio egiziano Toth, proveniente da Hermopolis e riferibile al periodo Saitico della XXX dinastia del VI sec. a.C., rimasta impigliata nelle reti di alcuni pescatori nel 1934 in prossimità dello scoglio della Malva, a Porto Cesareo. Quasi sicuramente il simulacro del dio della scienza, raffigurato nelle sembianze di babbuino, doveva far parte del carico di una nave oneraria romana, che rischiò il naufragio lungo le coste dell’antico porto di Sasina.

museo archeologico di taranto 24

Un’altra grande scoperta del XIX secolo, che qui è custodita, sono le splendide statue delle Cariatidi di Vaste, che gettarono nuova luce sulla magnificenza dell’antica Basta, città messapica e poi romana, dove una ricca famiglia fece costruire questo monumentale ipogeo per accogliere i suoi morti. La struttura era costituita da tre ambienti, uno dei quali a cielo aperto, e gli altri da due camere accostate. L’ingresso era abbellito da 4 splendide statue di donna. Le 4 cariatidi sostenevano un sontuoso fregio, decorato da un bassorilievo che raffigurava la corsa di un carro trainato da leoni e guidato da guerrieri. Questa era una terra “ricca”, dalla preistoria in poi sempre ha dato la possibilità di crescere alle genti che l’hanno abitata. Osservando questo splendido Museo si comprende appieno anche questo! Da visitare, per chiunque voglia arricchirsi coi valori che servirebbero adesso, al mondo di oggi.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.