Il misterioso ipogeo di Palanzano

Per completare la visita dell’antico casale di Palanzano (presso Giurdignano, vedi il precedente reportage), ecco l’ipogeo di masseria Palanzano. 

Il dromos d’accesso all’ingresso principale dell’ipogeo (sotto)…

I due ingressi dell’ipogeo visti dall’interno. Quella al centro sembra una mangiatoia dal bordo eroso dagli anni che dovrebbe identificarlo come stalla.

L’ingresso secondario dell’ipogeo con dromos ripido.

Due strane nicchie sul fondo e un pozzetto.

Altre nicchie fanno pensare a mangiatoie molto grezze.

Osservando bene la struttura si può pensare che l’unico ingresso in passato sia stato quello a destra, periodo che ha visto l’uso dell’ipogeo quale stalla o neviera. in una fase successiva è stato aperto quello che attualmente è l’ingresso principale a sinistra, destinandolo a deposito di carriaggi.

L’agevole ingresso principale visto dall’esterno.

L’ingresso principale e si intravede in direzione ortogonale l’ingresso secondario.

L’ingresso secondario quasi a pozzo, come unico ingresso può far pensare ad una neviera.

Si evidenzia anche qui l’ortogonalità dei due ingressi.

Una cisterna o silos poco distante dall’ipogeo.

Altro silos all’ingresso dell’ipogeo.

L'ipogeo misterioso di Palanzano

L’ipogeo è collocato in un terreno privato e custodito con notevole cura. Nella masseria sono in vendita prodotti caseari di produzione propria. Per visitare l’ipogeo basterà chiedere il permesso che non vi verrà negato.

Raffaele Santo

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

L’ipogeo misterioso di Palanzano

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.