Masserie e tesori nascosti dell’Arneo

L’Arneo, il “grosso bubbone” del Salento, come lo chiamava il grande poeta Vittorio Bodini, nasconde fra le sue campagne tanti tesori nascosti, dimenticati, o del tutto ignorati, che non vogliamo siano rimossi dall’immaginario dei salentini e di chi visita questa terra. Una terra culla del lavoro contadino, un lavoro spesso disperato, per la sua rudezza o nei tempi andati anche negazione, ma dimora anche di tante famiglie che alacremente hanno sudato e progredito qui, nella loro vita.

Una vita che in questa zona ha avuto culla fin da tempi immemorabili, come dimostra una passeggiata nell’entroterra di Boncore, risalendo la strada verso San Pancrazio, che rivela una realtà insospettata…

tesori nascostiUna grande strada carraia attraversa questi campi… talmente consumata che lascia quasi percepire ancora il rumore delle ruote che qui cigolarono perpetuamente…

tesori nascostiE poi una necropoli… una serie di tombe scavate nel banco roccioso…

tesori nascosti

tesori nascostiMa non solo tombe, anche silos, molti dei quali completamente interrati…

tesori nascosti

1E poi quello che sembrerebbe un dolmen, ormai collassato su se stesso… con il beneficio del dubbio, parrebbe proprio uno di quei monumenti preistorici che troviamo nelle nostre campagne…

tesori nascostiMa proseguiamo la nostra passeggiata… per chi viene da Lecce, sulla strada che da Veglie giunge a Porto Cesareo, si può ammirare un vero colosso dell’architettura rurale salentina: Masseria Trappeto!

tesori nascosti, masseria trappetoInsieme a Giudice Giorgio e Cippano la più grandiosa casa fortificata delle nostre campagne, costruita nel 1500, difesa con ogni modo allora architettonicamente realizzabile, protetta anche da un poderoso muro di cinta, oggi in parte crollato, è un monumento del Salento.

2Il prospetto frontale presenta una chiesetta, e sull’ingresso lo stemma nobiliare della famiglia Massa…

4La gigantesca torre si sviluppa su tre piani ed ha una notevole estensione in metri cubi, poteva ospitare tanta gente fra le sue numerose stanze, quasi tutte fornite di camino.

3In origine c’era un ponte levatoio, che una volta sollevato isolava del tutto la fortezza.

tesori nascostiA pian terreno, un estesissimo frantoio, che accoglieva le olive di un esteso patrimonio fondiario della grandezza di 300 tomoli di terreno seminato, con 2357 alberi di olivo. Nel catasto onciario di Nardò viene riportato nei beni di Bartolomeo Massa, Barone di Galignano.

6Bello anche il grande apiario custodito fra gli alberi intorno alla Masseria…

7Poco distante è Masseria Donna Menga, purtroppo la sua torre quattrocentesca si conserva molto peggio…

8Di fronte, una chiesetta che conserva sulla sua architrave d’ingresso la data della sua costruzione: 1695.

9L’abbandono ha causato la spoliazione del tempio, che mostra una volta di copertura davvero bella…

10La torre, di cui si ha notizia nelle fonti storiche già nel 1493, è purtroppo in stato di crollo…

11

12Qualche interno della masseria è ancora visitabile… Pochi anni fa conobbi una signora che in questa masseria ci visse da bambina, fino agli anni 1950-60… e sembra incredibile che la sua casa si sia ridotta così, in poche generazioni…

13

La colombaia.

14

Visuale dall’alto di un’ala delle stalle.

15

Il water, posto al piano superiore…

16

Visuale da una finestra.

17

Le altre stalle, interni.

18La memoria umana conserva nell’immaginario quello che il Tempo, spesso non galantuomo, sta cancellando per sempre da tanti angoli delle campagne del Salento.

(che ringrazia Joseph Manta per le foto della prima parte di quest’articolo).

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Masserie e tesori nascosti dell’Arneo

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.