Masseria Brusca, gioiello d’Arneo

Emblema del paesaggio e dell’architettura rurale del Salento del XVII secolo, Masseria Brusca è come un viaggio con la macchina del tempo, all’interno di un luogo rimasto tale e quale a se stesso, nel cuore dell’Arneo, il “bubbone” nel cuore di Terra d’Otranto cantato dal grande poeta Vittorio Bodini. Siamo in agro di Nardò, in un territorio ricchissimo di storici insediamenti agricoli.

Nella quiete assoluta di questo paesaggio abbiamo la fortuna di fare una visita completa in questa meraviglia architettonica, il cui primo nucleo era una torre, costruita forse fra XV e XVI secolo, ormai inglobata nella struttura successiva, e di cui non resta traccia nelle fonti storiche.

masseria brusca 1

L’esterno si presenta monumentale, sorretto da una lunga serie di arcate che va da parte a parte, e abbellito dalla facciata della chiesa.

masseria brusca 2

Antichi ricordi di vita agreste…

masseria brusca 3

La chiesa è dedicata alla Madonna Immacolata…

masseria brusca 4

Sostituì la cappella di Santa Maria ad Nives visitata dal Vescovo nel 1500. Il suo campanile a vela ospita una campana del 1636. Ma la chiesa la visiteremo dopo…

masseria brusca 5

…facciamo una passeggiata intorno al muro di cinta…

masseria brusca 6

…ed al suo interno, dove spicca questo angolo a cellette, che un tempo ospitava un apiario.

masseria brusca 7

Ogni angolo è rimasto autentico, anche nella pavimentazione…

masseria brusca 8

…gli interni sono riccamente decorati da affreschi di gusto settecentesco…

masseria brusca 9

…persino sopra la scalinata che porta al piano superiore…

masseria brusca 10

masseria brusca 11

Splendida la cucina economica, nella sua semplicità e autenticità!

masseria brusca 12

Dal piano superiore si poteva seguire la Messa dall’alto…

masseria brusca 13

…da dove noi possiamo osservare qualche particolare, come gli affreschi della volta…

masseria brusca 14

…e la statua della Madonna dell’Immacolata.

masseria brusca 15

masseria brusca 16

Le stanze sono la testimonianza di quel piacere ritrovato di vivere in campagna, che accompagnò la vita dei signorotti nella seconda metà del 1700, quando l’economia agraria salentina, fra l’altro, si stava riprendendo, dopo la decadenza del secolo precedente.

masseria brusca 17

Gli affreschi ricoprono praticamente tutta la superficie delle pareti: qui sopra ammiriamo la vite che è stata riprodotta a coronamento del mobilio che arredava l’ambiente.

masseria brusca 18

In una lunetta c’è l’affresco di una Madonna con Bambino che portano una singolare Croce che termina come fosse una lancia…

Meraviglioso il giardino! Impiantato già durante il 1600 è un vero tripudio di natura ed arte!

Attorno al pozzo ed all’impianto a forma di croce, si susseguono bellissime statue che riproducono personaggi mitologici…

Un vero incanto, che invita ad accomodarsi, questo giardino!

Riccamente adornata anche la porta di ingresso posteriore…

In un angolo si apre il classico luogo di ritrovo per i signori dell’epoca…

…abbellito da un affresco di Madonna con Bambino.

Dal giardino si accede al terreno retrostante, che ospita un piccolo allevamento di una pregevole razza bovina, che risale addirittura alle prime invasioni barbariche: la vacca podolica…

vacca podolica

…un maestoso animale, dalle grandi corna, che non produce moltissimo latte, ma quello che esso regala è un’autentica bontà! Che i proprietari, molto saggiamente, stanno riportando in auge, cosi come era un tempo in queste terre dedite al pascolo…

Ringraziando gli attuali proprietari, Giovanni e Maria Luisa Zuccaro per la loro disponibilità, citiamo il racconto che ci ha fatto il signor Giovanni, il cui padre, quando era bambino abitava qui ai primi del 1900, ed essendo figlio unico era molto “protetto” dalla famiglia: per cui, per tenerlo “buono”, fu invitato a costruire una miniatura di Masseria Brusca (foto sopra) in un angolo del giardino. E dobbiamo dire che il risultato è veramente bello! Ricorda molto le casiceddre di Noha, altra memoria storica di Terra d’Otranto!

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Masseria Brusca, gioiello d’Arneo

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.