Masseria Cippano, estremo oriente del Salento

Per chi voglia andare ancora più a oriente di Otranto, dove finisce il Salento e cominciano i Balcani, perché l’aria stessa è quella, delle querce vallonee e delle orchidee, deve necessariamente passare da Masseria Cippano… un luogo mitico del passato contadino di questa terra, delle genti che non si arresero alla dilagante prepotenza turca, e anzi si insediarono, in una natura ostile, ed in una parola… resistettero.

Si, perché resistere è il verbo della vita in queste desolate contrade, dove la pietra scolpisce un paesaggio lunare di rude bellezza, che in primavera dipinge poetici colori sullo sfondo marino impastato con la verde steppa pascolata placidamente dagli animali…

masseria cippano 1

Situata a poca distanza dal mare, sulla litoranea che da Otranto prosegue verso Santa Cesarea, il complesso masserizio è dominato da una possente torre di difesa a due piani, munita di caditoie e ponte levatoio, come un vero castello fortificato.

masseria cippano 2

Sicuramente l’insediamento agricolo esisteva già durante il 1400…

masseria cippano 3

…poi, nel 1700 fu arricchito di una chiesa, che fungeva da faro per i lavoratori dei dintorni. Oggi purtroppo completamente spogliata di tutti i suoi arredi…

masseria cippano 4

Tutto l’insediamento è circondato da un massiccio muro, che definire come i classici muretti a secco della zona è riduttivo, visto che in alcuni punti è spesso quasi due metri e pare quasi una muraglia difensiva…

3

…la parte superiore del recinto è stata spogliata. Interessanti sono i varchi che ci passano sotto, ad intervalli irregolari: alcuni servivano senz’altro al passaggio degli animali da pascolo, infatti si trovano nei punti meno spessi. In quello più largo si trovano questi passaggi…

1

…tenuti in piedi da un arco, che crea quasi una camera sottoposta.

2

masseria cippano 5

La masseria era dotata di una grande cisterna per la raccolta delle acque piovane, da cui partiva una complessa rete di canali di irrigazione e distribuzione che alimentava anche le stalle degli animali…

masseria cippano 6

La cisterna è ancora oggi piena!

7

Tutto intorno si trovano altri pozzi, dotati di una vera molto ben fatta, ricolmi d’acqua, per cui non è facile dire se si tratta di silos per le derrate alimentari o proprio riserve d’acqua.

1

L’altra grande cisterna d’acqua si trova alle spalle della masseria, costruita e voltata a botte, e rivestita sapientemente, con una tecnica che, in assenza di cemento, riempita le “fughe” fra una chianca e l’altra con detriti di ceramiche compressi!

2

Accanto alla cisterna, un rifugio scavato nel banco roccioso, oggi ormai nascosto dai rovi.

Particolarissima è l’aia di questa masseria: scavata sul banco roccioso affiorante, di forma circolare, ora quasi del tutto invasa dalla vegetazione infestante.

masseria cippano 7

Purtroppo il prezioso edificio, simbolo emblematico di tutta questa parte di territorio, è sempre più pericolante, per le sue condizioni statiche… Salire al piano superiore è un rischio, ma non resistiamo al desiderio di immedesimarci negli antichi abitanti di questa casa. L’interno era fornito di una piccionaia…

masseria cippano 8

masseria cippano 9

…gli ambienti di stipi e camini…

masseria cippano 10

Le mura sono piene di graffiti, ed oltre le solite croci cristiane, si notano anche i segni di qualche “conteggio” riferito al lavoro agricolo del passato…

5

Il piano superiore è diviso in due grandi ambienti, dotati di camino entrambi, finestre e piccionaia.

6

Il panorama che si gode è a dir poco affascinante… Si nota Torre Sant’Emiliano, con cui comunicava a vista, posta a strapiombo sul mare a poca distanza…

masseria cippano 11

Dall’alto si può apprezzare meglio la chiesetta, coi suoi vistosi contrafforti, e la grande cisterna, con l’abbeveratoio degli animali…

masseria cippano 12

Sono molti gli ambienti a piano terra, le stalle, i fienili, che si affacciavano a grappolo tutto intorno alla grande torre centrale…

3

In questa stanza vi è una parete tutta ricoperta di graffiti…

4

…croci, e figure non facilmente decifrabili…

5

6

Curiosa la ricorrenza delle mani graffite. Doveva essere proprio un luogo “di passaggio”, questo.

masseria cippano 13

Sopra e sotto, uno scorcio di pavimento originale…

9

8

I gocciolatoi, dal versante che da al mare, sembrano quasi delle bombarde: chissà che non fossero stati pensati apposta per questo motivo: incutere rispetto e timore, a chi veniva dal mare con brutte intenzioni.

10

Altri scorci, dall’insediamento…

11

In origine non c’era come oggi una strada lungo la litoranea, ed infatti alla masseria si accedeva dall’interno, provenendo da Uggiano…

12

…si arrivava alle spalle dell’insediamento…

13

…provenendo da una strada carraia, accompagnata ai lati dai muretti a secco…

strada carraia masseria cippano

Il paesaggio è rimasto intatto! E’ infatti uno dei luoghi più autentici del Salento…

14

…e quando i colori sono limpidi, si resta sempre senza fiato.

masseria cippano 14

Questo luogo si destò dalla dimenticanza quando divenne quasi casualmente “famoso”, nel 2010, dopo aver fatto da set per il film di Ferzan Ozpetek, “Mine vaganti”…

masseria cippano 15

masseria cippano 16

4

Lasciando questo posto, nel silenzio profumato della campagna circostante, la mente si affolla di pace e serenità…

15

masseria cippano 17

…un piccolo miracolo, ma di cui godettero senz’altro anche gli abitanti di questa casa… nonostante i tristi periodi che affrontarono per via di quel mare lì di fronte… che sicuramente non cessarono, per questo, di amare.

seguici-su-FB

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Masseria Cippano, estremo oriente del Salento

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.