L’Abbazia di Centoporte a Giurdignano

Giurdignano dei tesori storici e archeologici nasconde tra i suoi oliveti una delle sue memorie più importanti, non solo per la sua comunità ma anche per il resto d’Italia meridionale: l’Abbazia di Centoporte. L’Impero Romano d’Occidente era ormai crollato, ma dopo i primi decenni di disordine e sbandamento, questa parte di Puglia, il Salento, era stata riconquistata dai Bizantini.

E proprio all’inizio del VI secolo è da far risalire la costruzione di questa gigantesca basilica paleocristiana, in alcuni documenti riportata come Sant’Arcangelo de Casulis.

1 centoporte di giurdignano

Nella foto sopra (tratta dall’Almanacco salentino pubblicato da Congedo Editore nel 1970) si può apprezzare il monumento come ancora si vedeva a fine 1800. Purtroppo è stato vittima di spoliazione da parte degli abitanti del circondario, che ne hanno tratto laterizi e materiali per il reimpiego, ed anche, a quanto pare, di veri e propri furti: memorie popolari narrano di “acchiature” considerevoli asportate al sito, importanti tesori purtroppo depredati.

2

I resti della basilica fanno ritenere che essa sia stata costruita sul modello della chiesa monastica di San Giovanni di Studion, a Costantinopoli, e pare fosse stata dedicata ai santi Medici Cosma e Damiano, particolarmente venerati dall’Imperatore bizantino Giustiniano.

3

Fu edificata a tre navate con abside e nartece monumentali…

8

Si chiama in questo modo perché pare avesse numerose aperture, fra porte e finestre…

4

Ciò che rimane dell’abbazia è una parte dell’abside, costruita con massi di pietra locale e i ruderi dei muri perimetrali. Questo imponente edificio, lungo oltre 31 metri e largo quasi 11, era dotato anche di un vestibolo, un locale posto all’ingresso.

centoporte

La copertura, costituita da tegole, era a spioventi, con una parte più alta che copriva la navata centrale e due più basse nelle navate laterali. Le navate erano divise da una fila di colonne, così come si nota dalle fotografie storiche.

centoporte

L’indagine archeologica lascia intuire come il pavimento non fosse mai stato, per qualche motivo, realizzato…

7

Tombe, sepolture e reperti hanno consentito la redazione di un monumentale saggio, pubblicato da Congedo Editore, da parte del prof. Paul Arthur  e Brunella Bruno, che ricostruisce in maniera esemplare tutti gli aspetti di questo importante monumento.

REPERTI 1

REPERTI 2

centoporte

Una visita in questo luogo suggestivo, immerso negli olivi e nella pace della natura, un tempo fulcro di un passato ricco e vitale, restituisce un momento strategico della storia salentina…

centoporte

centoporte

centoporte

Questa grande cattedrale fra gli olivi non è da paragonare alle basiliche paleocristiane di altri luoghi d’Italia… questo pezzo di terra è un angolo dell’Impero Romano d’Oriente.

Post Scriptum

Segnalo agli archeologi e studiosi queste immagini che ho realizzato il 31 agosto 2020 nella campagna retrostante l’abbazia: a circa 60-70 metri dall’abside della chiesa, si trova un leggero rialzamento del terreno su cui emerge roccia affiorante…

…il sito è in parte recintato da questo muretto a secco, nell’immagine sopra si nota il fondale roccioso su cui è stato costruito.

La mia attenzione era stata attirata da quelle che sembrano alcune tombe medievali…

…alcune quasi completamente interrate…

…altre ancora a vista…

…ma poi ho notato quello che mi sembrava un complesso di canali scavati nella roccia…

…in realtà non sono canali, perché non conducono in nessun pozzo o cisterna: sembrano piuttosto lettere di alfabeto…

…come se si trattasse di un’iscrizione sulla terra…

Non conoscendo gli antichi alfabeti, non saprei distinguere se si tratta di greco antico o latino…

…ma credo che la questione possa attirare gli studiosi!

seguici-su-FB

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

L’Abbazia di Centoporte a Giurdignano

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.