La quercia Vallonea nel Salento

La quercia Vallonea è un gigante solitario. Non cresce velocemente, non è facile farla riprodurre, ma se mette radici e si ambienta è capace di vivere millenni. Rappresenta uno spettacolo raro e grandioso, nel Salento, dove per chissà quale congiuntura, o forse perché portata dai monaci greci dall’Oriente, ha fatto casa fra il paesaggio degli olivi e della macchia mediterranea.

E’ una creatura bellissima, tipica della penisola balcanica e della costa turca occidentale, ma come detto il suo areale si è esteso in questo estremo lembo d’Italia. E’ una quercia di quelle che d’inverno perdono le foglie, ma questo le regala un tocco di romanticismo in più. Sono rarissimi i boschetti di queste piante, il più esteso si trova in agro di Tricase, ma singoli alberi si possono incontrare anche in città. Persino a Lecce, lungo il trafficatissimo viale fra il Museo “Castromediano” e la Camera di Commercio ci sono dei bellissimi esemplari che, proprio per via del traffico, non vengono mai notati dai passanti.

quercia vallonea di lecce

Questi giganti superstiti sono l’ultima testimonianza, di grande valore scientifico, dell’Orto Botanico che venne realizzato nel 1810, ma poi purtroppo distrutto nel 1929…

quercia vallonea di lecce

carta delle vallonee

Rarissimi esemplari si possono riscontrare in area brindisina, ma è sopratutto nel leccese che si trovano gli esempi più grandi. Quello più famoso è il caso della “quercia dei cento cavalieri”, in agro di Tricase, la cui vita viene stimata attorno ai 700 anni: un vero monumento della natura!

quercia vallonea di tricase

Vista da lontano, la sua chioma è veramente maestosa, ripiega su sé stessa fino a toccare terra attorno a sé.

quercia vallonea di tricase

Ma un altro esemplare notevole lo ritroviamo fra le vie del centro storico di Corigliano d’Otranto. Anche questo secolare, molto alto, ramificato fino all’inverosimile!

quercia vallonea di corigliano d'otranto

quercia vallonea di corigliano d'otranto

Per tutti gli amanti della Natura, un consiglio è quello di far crescere una Vallonea. Un pezzo di storia del nostro pianeta, che sopravviverà a noi ed alla stessa storia umana!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La quercia Vallonea nel Salento

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.