Il Parco dell’isola S.Andrea e Punta Pizzo a Gallipoli

Lungo la meravigliosa costa di Gallipoli, perla nella perla è incastonato il Parco Naturale Regionale “Isola di Sant’Andrea e litorale di Punta Pizzo”, uno scrigno che nessun turista può lasciarsi sfuggire! L’area protetta è stata istituita nel 2006 ed ingloba l’isola di S. Andrea, che sorge su una superficie calcarea piatta ad una altezza media di circa 2 metri sul livello del mare.

Il suo profilo rende inconfondibile lo skyline del viaggiatore che entra nella “città bella”, come la chiamavano gli antichi Greci…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 1

Le coste rocciose della piccola isola presentano “habitat prioritari”, come le caratteristiche steppe salate di salicornia …

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 2

Questo piccolo avamposto naturale della città nello Jonio, oltre a fare da sede al prezioso faro per i naviganti ed i pescatori gallipolini, ospita una numerosa colonia del Gabbiano Corso, di grande interesse internazionale, una specie endemica del bacino del Mediterraneo.

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 3

L’areale del Parco si estende a sud della città, e comprende ambienti veramente peculiari…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 4

…che fanno di questo paesaggio un variegato e pregevole habitat ricco di biodiversità…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 5

…si può incontrare, come detto, la pseudo steppa, ma anche la classica macchia mediterranea e ambienti umidi ed acquitrinosi. Diverse specie di flora dipingono il paesaggio, come il corbezzolo, l’alaterno, l’erica arborea, la ginestra spinosa, il mirto, il lentisco, l’asparago selvatico, il rosmarino, il timo, il lentisco, varie specie di orchidee, fra cui la rarissima orchidea italica. In prossimità del canale Li Foggi si registra la presenza della rara Ipomea sagittata. Interessantissima inoltre l’avifauna acquatica, che si può osservare durante le migrazioni stagionali. Anche il Cavaliere d’Italia è stato avvistato, qui!

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 6

Ovviamente, alcuni tratti del litorale sabbioso sono meta dei bagnanti… umani!

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 7

Spingendoci verso Punta Pizzo il panorama si fa più “selvaggio”. E’ il panorama che richiama alla mente il romanzo del celebre filosofo salentino Luigi Corvaglia (“Finibusterre”): dato alle stampe negli anni ’30, racconta in toni assolutamente realistici il paesaggio salentino, in questo caso gallipolino, ed in particolar modo la fantomatica “masseria La Caina”, dove è ambientata la casa del protagonista. Un bunker, ricordo del clima della Seconda Guerra Mondiale, ci precede sulla via verso la storica Masseria Pizzo…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 8

…una dimora seicentesca, costruita nel triste periodo delle incursioni turche nel Salento…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 9

…contro le quali era ben preparata, come dimostra ancora la caditoia rimasta su un lato…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 10

Oggi questa struttura è tornata alla vita diventando luogo di accoglienza, ben collegato alla torre costiera che prende il suo nome…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 11

…rimasta anch’essa intatta, nella sua forma originaria.

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 12

Da qui si domina tutta la meravigliosa baia a sud di Gallipoli…

Parco naturale regionale Isola di Sant'Andrea e litorale di Punta Pizzo 13

…un sogno, per chiunque ami la Bellezza!

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Parco dell’isola S.Andrea e Punta Pizzo a Gallipoli

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.