Salento rurale

Ormai molti ci ritornano, lo amano, ma non conoscono a fondo un suo aspetto nascosto, da ricercare: il Salento rurale. Un paesaggio da scoprire, uscendo letteralmente fuori strada, studiando le mappe, magari anche quelle di Google, come niente salta fuori come minimo un enorme pagliarone nascosto dagli olivi!

Facciamo un viaggio nelle campagne meno note, le sorprese non mancheranno. Cominciamo dall’agro di Corigliano d’Otranto, precisamente visitando Masseria Scagnito, recentemente salvata dai suoi proprietari e rimessa a nuova vita. Qui, una volta, in questa suggestiva vallata, il lavoro dei campi era alacre e incessante.

masseria scagnito

Saltano subito agli occhi le epigrafi graffite (ce ne sono molte) sulle architravi. Guardiamo la successiva: letteralmente dice, “…questo è il dominio delle api”, e senz’altro stava a indicare la laboriosità dei suoi lavoratori (poi magari avevano anche un apiario!).

salento rurale

Ma la successiva è ancora più particolareggiata…

IMG_7021

“Qui si vive onestamente, qui la dea Atena offre i suoi doni, qui troverai la pace, a te saranno dati i frutti, riposo e salute”. Un vero invito a fermare il passante e fargli godere la vita. Qualcosa di simile si trova nelle campagne di San Pietro Vernotico, sulla parete di un caratteristico trullo…

salento rurale

L’epigrafe parla da sola. Anche la data. Il mondo era nel pieno della Seconda Guerra Mondiale, e qui pareva davvero un angolo di paradiso…

trullo-s.pietro vernotico2

Continuiamo il viaggio…

salento rurale

Ora siamo nelle suggestive campagne di Serranova (Carovigno), dove si erge maestosa la torre di Masseria Baccatani, costruita nel 1100, davanti ad un’antica cappella…

salento rurale

salento rurale

Qui siamo in agro di Nardò, nell’incantevole scenario di Masseria Brusca, un altro invito a fermarsi, a godere della pace. Sotto vediamo uno di quegli angoli che i nobili si facevano costruire a fine ‘800 dove prendevano il thè…

IMG_1625

A ben guardare, nelle campagne salentine se ne trovano molte di queste strutture. Nella foto successiva ne vediamo un’altra, in agro di Diso, a Villa Bottazzi…

IMG_7773 copia

L’interno spesso era anche finemente decorato…

IMG_7774 copia

Questo posto custodisce anche altre suggestioni. Una piccola chiesetta, coperta da grandi querce…

IMG_7771 copia

…purtroppo l’interno è molto rimaneggiato…

IMG_7768 copia

IMG_7784 copia

…ed anche un pozzo, con una suggestiva canalizzazione…

salento rurale

salento rurale

Qui siamo nelle foreste martinesi, sulle murge tarantine, a Masseria Lupoli, un luogo rimasto fissato come un’istantanea, nella natura e nell’architettura…

salento rurale

salento rurale

Sopra, un’antica masseria diroccata, nei pressi de Li Sauli, a Gallipoli, un luogo in cui gli oliveti la fanno da padroni…

IMG_3101

Diamo uno sguardo ai giganti, di questi oliveti del Salento. Qui siamo nei pressi di Felline…

IMG_3114

Non c’è che dire: troveremo sempre un albero più grande!

IMG_3117

IMG_3397

Ma anche i pagliaroni non scherzano: sopra, siamo ad Acaya, sotto presso Ruffano, davanti alla “Pagghiara Ferrante”, costruita nel 1821, con uno schema quasi piramidale, anche per le dimensioni! Forse è lei, la più grande di tutte!

IMG_4285

IMG_7249

Campagna di Melendugno, al tramonto…

olivi secolari cannole

Altri colossi, presso Cannole…

materdomini

Chiudiamo questa breve passeggiata davanti al pozzo di Villa Materdomini, la casa del Principe Sebastiano Apostolico Orsini, ad Arnesano. Un luogo ideale, costruito da questa grande figura di uomo ottocentesco, romantica, idealista ma anche pratica: qui fece la sua casa, ma anche la dimora dei suoi contadini, e costruì loro una chiesa e la scuola per i loro bambini, e tutti vivevano in questa grande tenuta come una comunità autosufficente. Un Sogno grande, di quelli come si usava una volta!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Salento rurale

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.