La peschiera di Federico II

Peschiera… un nome strano, singolare… che risulta insolito riscontrare nelle fonti storiche. Di cosa si tratta? Con queste brevi righe, ritorniamo indietro nel tempo, fino al XIII secolo, al primo codice medievale: le Costituzioni Melfitane. Emanate da Federico II nel 1231 a Melfi, in Basilicata, esse fissano per la prima volta i termini della sepoltura,  della macellazione e della macerazione. Stabilisce quindi i modi precisi dei maceratoi che nel Salento malarico diventano peschiere per l’immissione di specie ittiche riservate alla tavola del potente del luogo, con funzione però insettifuga.

peschiera

Il primo ecologista della Storia vive tra Melfi, Foggia e Lucera. Mentre prepara le basi dell’invasione di Costantinopoli costruendo un centinaio di castelli, attribuisce ai miasmi la fonte delle epidemie che devastano i suoi eserciti e combatte gli impaludamenti forzati.

IMG_7943

Va ricordato che il commercio di canapa e lino sono Monopolio Imperiale e quindi nei pressi delle peschiere troviamo sempre le splendide costruzioni dei funzionari, ormai rimaneggiate.

peschiera

Le grandi peschiere, enormi vasche scavate nella roccia, collettanee della Storia altomedievale del latifondo che nel Salento in qualche modo sopravvive, sono ormai quasi tutte scomparse, ma ne resta ancora qualcuna. Quella più interessante, che vediamo in queste foto, si trova a Minervino di Lecce. La più estesa invece a Lequile.

IMG_7947

Mi pare ovvio, sfatando un antistorico luogo comune, essere riuscito a spiegarvi che hanno indiretta attinenza con i pesci ma che la loro funzione attinga solo ed esclusivamente alla macerazione delle piante legnose, regolamentata ben otto secoli fa da Federico II di Svevia.

IMG_7949

Testo di Alberto Signore (Presidente dell’Associazione “Amici dei Menhir”, www.amicideimenhir.it).

Fotografie di Alessandro Romano.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La peschiera di Federico II

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.