La Cattedrale di Bari

La Cattedrale di San Sabino, a Bari, sorse tra XII e XIII secolo, su un monumento molto più antico, ossia le rovine del duomo bizantino, che fu distrutto da Guglielmo il Malo nel 1156. Le tracce di questa storia è possibile ancora oggi mirarle, osservando il pavimento originario che si estende sotto la navata centrale. La Diocesi a Bari risale almeno al V secolo, mentre la chiesa episcopale data VI secolo.

Si tratta di un importante esempio di romanico pugliese…

0

I tre portali risalgono all’XI secolo, anche se sono stati rimaneggiati successivamente.

1

Sulla facciata spiccano il grande rosone e la finestra bifora…

2

…ovunque, sono scolpiti mostri ed esseri fantastici. Sui fianchi si aprono profonde arcate sulle quali corrono gallerie, mentre all’incrocio dei bracci sorge la stupenda cupola.

3

4

Qui sotto, si resta a testa insù, nell’osservare i dettagli, di questa sontuosa costruzione…

5

6

8

7

9

Il tempio è stato spogliato di tutte le strutture barocche, e si ripresenta oggi nella sua nuda e originale solennità. Le tre navate sono separate da due teorie di otto colonne ciascuna.

10

Tripudio d’arte medievale, matronei, trifore, capitelli, ogni dettaglio eleva questa chiesa a capolavoro, armonicamente distesa, dal suo ingresso fino alle sue tre absidi.

1520649_790126647751232_6975192107924234099_n

Su uno dei mosaici pavimentali un’iscrizione in cui compare il nome del vescovo Andrea (758-761) fa pensare che si trattasse della prima cattedrale distrutta nell’IX secolo…

10620342_790132717750625_1643700703259820671_o

Al posto di questa chiesa sorge la cripta della cattedrale attuale, l’episcopio di Santa Maria, che probabilmente è l’edificio in questione.

11054313_790132891083941_8337638592286960577_o

Nella prima metà dell’XI secolo l’arcivescovo Bisanzio fece costruire una nuova chiesa, che fu poi distrutta da Guglielmo il Malo durante la distruzione dell’intera città nel 1156 (fu infatti risparmiata solo la Basilica di San Nicola).

11058174_790124511084779_7853502572092994769_o

11061668_790124977751399_4575226320149167300_o

Nelle absidi minori vi sono due sarcofagi: uno contiene le reliquie di Santa Colomba e l’altro reliquiari vari. Nella sagrestia di destra è collocato un altare con un dipinto raffigurante quello che probabilmente è ritenuto il primo vescovo della città di Bari: San Mauro.

11222670_790123944418169_3834627813216685232_o

11223630_790132554417308_3071178655983648680_o

11223672_790132844417279_724061349367511954_o

11230965_790124021084828_215251775420458766_n

Consacrata il 4 ottobre 1292, la chiesa si rifà allo stile della Basilica di San Nicola, e come detto ha poi subito una serie di rifacimenti, demolizioni ed aggiunte a partire dal 1700.

11234819_790123624418201_5158247693616514292_o

11252444_790123767751520_1017641511254900784_n

11700692_790132234417340_8717135740990929542_o

11700788_790123694418194_8609377958695325904_o

11709789_790132701083960_2412027548143042417_o

11717543_790132187750678_4787508986810281126_o

11717577_790132321083998_2687874612494333182_o

11722414_790123461084884_9045673892827778984_o

11728796_790124381084792_7986469861247890614_o

Fra i tesori straordinari di questa cattedrale, c’è l’adiacente Museo Diocesano, che custodisce l’Exultet, ossia una preziosa pergamena bizantina, finemente miniata, anteriore all’anno 1050. Le immagini sono capovolte rispetto al testo e quindi rispetto al sacerdote che lo leggeva. In questo modo i fedeli, quando il celebrante srotolava la preghiera pasquale, potevano guardare i sacri disegni. Era fatta in funzione anche di chi non conosceva il latino, che così poteva avere un’idea immediata del racconto.

11728822_790123997751497_828844663084358246_o

11728920_790123897751507_8420891406593349134_o

11741188_790132567750640_4243794409648724330_o

11741292_790124431084787_3244488455421542182_o

11741310_790131637750733_1466569808632664879_o

Sotto il transetto si estende la cripta, trasformata nel Settecento. Vi si conserva la tavola bizantineggiante della Vergine Odegitria, e le le spoglie di San Sabino. Titolare della Cattedrale, la chiesa dà ospitalità al corpo di Santa Colomba di Sens, precedentemente conservato nello scomparso Convento di San Vincenzo.

11753746_790132404417323_2159332623003851455_n

11754366_790132954417268_423906574833962234_o

Cattedrale di Bari

Una visita in questo luogo straordinario non mancherà di lasciare chiunque stupefatto!

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

11794159_790132471083983_4177561641412713685_o

Cattedrale di Bari

Cattedrale di Bari

Interessante anche la cripta della cattedrale…

1

2

Una splendida Madonna dagli occhi bizantini è incastonata nell’altare maggiore…

3

…e poi, le spoglie di una Santa non molto nota, riposano qui sotto…

4

5

…una visita qui, ripaga il cercatore di storia, arte e fede.

(che ringrazia Gianluigi Vezoli per lo straordinario reportage fotografico, che risalta il suo inestinguibile amore per l’arte e la storia).

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

La Cattedrale di Bari

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.