La chiesa rupestre di Santa Geffa a Trani

Lo straordinario patrimonio delle chiese rupestri di Puglia non teme confronti neanche con la più blasonata regione della Cappadocia, in Turchia, località nota universalmente, e questo dovrebbe forse far riflettere sullo sforzo comune che richiama tutti i cittadini pugliesi alla valorizzazione di questa terra che recentemente è stata eletta da National Geographic e Lonely Planet la regione più bella del mondo.

In questo viaggio, grazie alle foto di Sergio Chiaffarata, che è uno di quelli che dedica la sua vita alla divulgazione del patrimonio storico-artistico di Puglia, entreremo nella chiesa rupestre di Santa Geffa, situata a circa 3 km da Trani.

11828775_1033710783320714_2783934357022603368_n

11036725_1033710993320693_3526898040624671533_n

Completamente scavata nel banco tufaceo, presenta un impianto a croce greca, che si dispiega a ventaglio, sostenuto da 6 pilastri cruciformi.

11169899_1033710806654045_4939314275997187799_n

Tre navate absidate suddividono l’ambiente, e due pilastri separano la cella dal nartece.

11781748_1033711159987343_3330864207489331892_n

Sopra, una sepoltura, come era abitudine a quei tempi. La chiesa è datata XII secolo, nonostante altre voci non sostenute da dati concreti la riportano al VI secolo.

11796296_1033710803320712_2670864953732600301_n

Si arriva qui seguendo la strada vicinale delle Tufare, ma l’accesso è consentito previa richiesta.

11811331_1033711009987358_6567670237357213407_n

11822355_1033710883320704_1041628079421601722_n

Una cupola in vetro e cemento armato protegge la zona absidale e l’accesso avviene grazie a una scala d’acciaio posta sopra la scala d’accesso originaria scavata nel banco tufaceo.

 Santa Geffa

Ci sono due teorie riguardo all’intitolazione della chiesa. La prima è legata al passaggio dell’Apostolo Pietro: nel suo viaggio diretto a Roma, dopo essere sbarcato a Brindisi potrebbe essersi fermato in questo luogo. La tesi deriverebbe da quanto affermato dagli apostoli Matteo e Giovanni: San Pietro ricevette da Gesù Cristo il nome di «Kefa», che in aramaico significa roccia, pietra, e che in greco suona Petros e in latino Petrus. Ma la struttura architettonica della chiesa non coincide con quel periodo…

 Santa Geffa

Un’altra teoria suggerisce invece che il nome Santa Geffa si riferirebbe forse a Santa Genoveffa, protettrice di Parigi, che salvò la Francia dall’invasione degli Unni, i quali si insediarono a Trani e avrebbero fatto scavare la chiesa. Ma siamo sempre nel campo teorico.

 Santa Geffa

Nel 1986 l’Amministrazione comunale ha provveduto ad una preziosa opera di restauro.

 Santa Geffa

Nel 1998 entra in scena l’associazione Xiao Yan che prende in gestione quello che ora è diventato il parco di Santa Geffa, ora un punto di riferimento per il circondario.

 Santa Geffa

 Santa Geffa

Benvenuti a Trani, città medievale per eccellenza, da visitare e ritrovare più e più volte!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

La chiesa rupestre di Santa Geffa a Trani

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.