La Basilica della Madonna della Neve a Copertino

E’ dedicata alla Madonna della Neve uno dei più affascinanti scrigni di arte e di fede di Copertino, la città dei Santo dei Voli, un monumento degno della visita del pellegrino ma anche del turista, che si affaccia in questa amabile città.

Il tempio sorse nel 1088, nel periodo di massimo fulgore del romanico pugliese, che tanti monumenti meravigliosi ha prodotto in tutta la regione. La volle il conte normanno Goffredo di Conversano e fu intitolata originariamente alla Vergine Assunta, assumendo poi la denominazione definitiva nel 1255, con il regno di Manfredi, col come di Vergine delle Nevi.

It is dedicated to the Madonna della Neve one of the most fascinating caskets of art and faith of Copertino, the city of the Saint of the Flights, a monument worthy of the visit of the pilgrim but also of the tourist, who overlooks this lovely city.

L’ingresso laterale è accompagnato da due leoni stilofori.

The side entrance is accompanied by two lions.

L’ingresso al tempio ci mostra una splendida navata centrale.

The entrance to the temple shows us a splendid central nave.

L’altare della Madonna della Neve è il centro del sacro edificio. L’architetto, Giovanni Donato Chiarello, noto scultore del XVII secolo, impianta nella struttura una lettura del seguente tipo: in alto, all’interno di una mandorla, vi è l’anima del Cristo tra due angeli. Al centro l’affresco della Vergine col Bambino, ai lati, nelle nicchie, Santa Lucia e Santa Caterina d’Alessandria.

The altar of the Madonna of the Snow is the centre of the holy building. The architect, Giovanni Donato Chiarello, a famous sculptor of ‘600, implanted in the structure a reading of the following type: on the top, inside an almond there is the soul of Christ between two angels. At the centre there is a frescoe of the Virgin and child, on the sides, in the niches, there are Santa Lucia and Saint Catherine from Alexandria.

Particolare dell’altare, una scena di assedio ad una città, con gli accampamenti schierati intorno ad essa.

Detail of the altar, a scene of siege to a city, with the camps lined up around it.

St. Joseph of Cupertino

Non può mancare la statua di San Giuseppe da Copertino!…

You can not miss the statue of St. Joseph of Cupertino!…

Qui riposano anche le spoglie di Frà Silvestro, il suo padre spirituale.

Here also lie the remains of Frà Silvestro, his spiritual father.

La tela della Deposizione è una delle opere più interessanti presenti in Basilica. E’ un ottimo esempio di pittura manierista, realizzata da Gianserio Strafella tra il 1570-1575. Al centro della tela il corpo del Cristo ormai esanime è deposto dalla croce. Attorno e sotto la croce vi sono diverse figure evangeliche che partecipano con pathos al grave momento. Secondo la tradizione, il personaggio in basso a sinistra è lo stesso Gianserio Strafella.

Altar of the Deposition. The painting of the Deposition is certainly one of the most interesting works in this Basilica. This is an exellent example of Mannerist painting, created by Gianserio Strafella between 1570-1575. At the centre of the picture there is the Christ’s lifeless body taken down from the cross. Around and under the cross there are several evangelical figures who take part with pathos to the serious event.  According to the tradition, the caracter at the bottom left is Gianserio Strafella himself.

Fra le opere d’arte, una bellissima scultura di Stefano da Putignano (XV-XVI secolo) che ricorda la natività di Gesù.

Among the works of art, a beautiful sculpture by Stefano da Putignano (XV-XVI century) that recalls the birth of Jesus.

La tela del Cristo deriso rappresenta il momento che precede la morte di Gesù, infatti si notano i suoi aguzzini che preparano la croce, ed insultano il condannato. Di particolare interesse, l’espressione del Cristo quasi rassegnata a ciò che sta avvenendo.

The painting of the mocking of Christ represent the time preceding Jesus’s death, indeed you can see his torturers preparing the cross and insulting  the condemned. The expression  of Christ almoust resigned to what in happening is particularly interesting.

La figura di San Giuseppe da Copertino è indissolubilmente legata alla storia della Basilica. Qui, il 17 giugno 1603, Giuseppe Desa fu battezzato al fonte battesimale ancora oggi presente (foto sotto).

The figure of St. Joseph from Cupertino is inextricably linked to the history of the basilica. Here on June 17, 1603, Joseph Desa was baptized at the baptismal font, still used today.

Chiudo questo piccolo articolo col documento che ricorda questo battesimo. L’ingresso nella comunità cristiana del futuro santo dei voli.

I close this small article with the document that recalls this baptism. The entry into the Christian community of the future saint who flew.

(Notizie ricavate dai pannelli illustrativi presenti in Basilica)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

La basilica della Madonna della Neve a Copertino

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.