Il San Francesco nascosto, a Oria

Fra i suoi innumerevoli luoghi della storia, Oria custodisce un altro dei suoi scrigni a Oria, nella chiesa di San Francesco d’Assisi. Secondo la tradizione popolare, questo tempio vide il passaggio del Santo.

L’attuale chiesa nasconde il precedente tempio che era sorto in questo luogo, una chiesetta dedicata alla Madonna di Costantinopoli. Sempre secondo la tradizione, nei pressi di quella chiesetta fu fondato un cenobio da San Francesco d’Assisi, di ritorno dalla Palestina.

Durante il Quattrocento, la chiesa e l’annesso convento francescano, venne ricostruita dal principe Giovanni Antonio Del Balzo Orsini, per poi essere nuovamente rifatta nel XVIII secolo.

Sul muro esterno laterale sinistro delle chiesa si trova il cenotafio che ricorda il principe Giovanni Antonio Del Balzo Orsini, che edificò la chiesa quattrocentesca. Si vede bene lo stemma della sua famiglia, ed un’epigrafe che lo rammenta.

Molto bello questo gruppo della Pietà, in pietra, che risale al Trecento, ed era conservato nella chiesa della Madonna della Gallana.

Le espressioni dei personaggi sono rese in maniera profondissima…

…bellissima la Maddalena, qui sopra…

…ma tutta la composizione sorprende per la sua intensità!

All’interno della chiesa si conservano anche le reliquie del beato Francesco da Durazzo (antico protettore di Oria che si festeggiava nella domenica in Albis), di cui c’è anche una tela che ne raffigura la vita.

Ma tutta la chiesa è un susseguirsi di emozioni: alle spalle dell’altare, c’è quello che resta della chiesa trecentesca, oggi non più accessibile. Si nota l’affresco di San Francesco!…

…una figura orante ai suoi piedi…

…e quel che resta di un altare della chiesa barocca.

Accanto alla chiesa c’è un ambiente sopravvissuto del convento…

…sulla cui volta si nota qualche affresco (ma probabilmente sotto la calce bianca si nascondono gli altri).

Quello che è il muro laterale della chiesa, era in passato l’ingresso originario del tempio, di cui si notano facilmente alcune nicchie, certamente decorate in passato da statue. Ho raccolto queste immagini e queste notizie dal parroco, don Giuseppe Leporale, assieme al suo sogno di poter salvare la parte antica di questa chiesa: per poterla restaurare, e magari renderla fruibile, serve un aiuto economico che la Chiesa non dispone. Mi unisco anch’io a questo appello!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

San Francesco d’Assisi a Oria

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.