Il menhir di Squinzano

La lunga lista dei menhir salentini si allunga di un’altra scoperta, accompagnata questa volta da un reperto, che era incastonato fra le grosse pietre riutilizzate in zona per il muretto a secco che cinge il luogo, posto proprio a margine della strada che conduce da Squinzano verso Casalbate. Una strada che, col previsto allargamento, rischia seriamente di distruggere il monolite.

Filippo Montinari, grande appassionato di storia e archeologia del Salento, uno a cui come si dice da queste parti, “rizzicanu li carni” quando impara qualcosa di nuovo sulla propria terra, lo ha scoperto casualmente, inglobato all’interno di un antico muretto a secco…

Il menhir di Squinzano

In effetti, questa è una strada che generalmente si percorre a velocità sostenuta, per questo è rimasto non notato, fino ad oggi…

Il menhir di Squinzano

…purtroppo, la vicinanza col ciglio della strada decreterà il suo abbattimento, se qualche autorità ben disposta non lo impedirà.

Il menhir di Squinzano

Come si diceva, tutto il muro intorno presenta grosse pietre, ed una in particolare, proprio accanto ad esso, risalta all’attenzione per la sua forma. Il monolite presenta anche un paio di croci graffite…

Il menhir di Squinzano

Il riempimento di terra intorno ad esso, di parecchio più alta rispetto alle altre campagne circostanti, impedisce di capire la sua reale altezza.

Il menhir di Squinzano

Filippo Montinari ha ritrovato vicino ad esso anche una pietra rotonda, che sembra proprio un manufatto, e pare rappresentare un disco. Se fosse vero, potrebbe essere collegato con i culti delle genti che erigevano i menhir? Potrebbe indicare il sole?…

Il menhir di Squinzano

La scoperta è stata debitamente segnalata alle autorità competenti.

7

8

Tutto questo non può non far muovere le coscienze, per la sua salvaguardia. Tutta la zona intorno è storicamente importante, aldilà di Cerrate e delle splendide masserie fortificate: a Casalabate c’era la Specchia Calone, poco più a nord c’è Valesio, e quei reperti ritrovati nei suoi pressi che stanno a indicare culti preistorici con falli e vagine di pietra. Tutto è noto, l’importanza di quest’area non deve essere calpestata, per rispetto ai nostri progenitori, ma anche per la conoscenza dei nostri figli.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Il menhir di Squinzano

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.