I Bronzi di Riace

Celebri testimonianze dell’arte classica custodita in Italia, i Bronzi di Riace sono due statue databili V secolo a.C. di provenienza greca, magnogreca o siciliota, su questo ancora non v’è ancora certezza assoluta. Furono rinvenute, in perfetto stato di conservazione, il 16 agosto 1972 nei pressi di Riace Marina (Reggio Calabria). Sono considerati assoluti dell’arte classica.

Le ipotesi sull’identità degli autori delle statue sono diverse, ma non esistono ancora elementi che permettano di stabilirne l’identità. Sono custoditi nel Museo Nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria.

bronzi di riace 3

 

Il modello presenta una notevole elasticità muscolare e nonostante siano diversi tra loro presentano una suggestiva bellezza e una notevole sensazione di potenza. Uno dei due sosteneva uno scudo, l’altro un’arma e forse anche un elmo.

bronzi di riace 2

Gli scultori della classicità usavano realizzare le statue maschili con un pene piuttosto piccolo, e questo nei tempi moderni suscita una certa ilarità. Invece c’è un motivo molto semplice, e profondo insieme, una simbologia con la quale le genti di quel periodo vivevano costantemente, nell’arte e nella vita. Un pene grande poteva significare uno scarso controllo degli impulsi e l’incapacità di agire con moderazione e saggezza. Ha spiegato il professor Andrew Lear (docente di antichità classiche ad Harvard, Columbia e New York University): “C’è un contrasto tra i genitali minuscoli senza erezione degli uomini ideali (eroi, dèi, atleti) e il pene eretto e grosso dei Satiri (esseri mezzi uomini e mezzi capra, ubriaconi e dediti alla lussuria selvaggia) e altri tipi di uomini non ideali”. “L’uomo ideale in Grecia era razionale, autorevole e intellettuale”, ha scritto la storica Ellen Oredsson. “Poteva certamente fare molto sesso, ma questo non era collegato alla grandezza del suo pene. Le sue piccole dimensioni, invece, gli consentivano di rimanere freddo e razionale”. In buona sostanza, “un uomo di valore”.

bronzi di riace 1

Ancora oggi, le opere della classicità, siano esse poemi, poesie, architetture, statue o dipinti, non possono che indurre alla riflessione l’umanità contemporanea.

 

 

(che ringrazia per le foto il caro amico Antonio Greco)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

I Bronzi di Riace

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.