Barletta, la città e la Disfida

Barletta, l’antica Bardulos citata dai Romani nella loro Tavola Peutingeriana, è una città ricchissima di storia, le cui origini risalgono al IV secolo a.C., ma che vista la sua favorevole posizione geografica, bagnata dal fiume Ofanto e fornita di un importante porto marittimo, ha vissuto il passaggio di numerosi popoli che ne hanno arricchito le vicende storiche. 

Non lontano da essa, a Canne, Annibale sconfisse i Romani nella celebre battaglia del 216 a.C., e fu ripopolata dai superstiti cannesi. Poi giunsero i Longobardi, i Normanni, e poi, in pieno Medioevo, cominciò l’epopea delle Crociate e dei Cavalieri Templari, che qui avevano la loro più importante base del sud Italia. La chiesa di Santa Maria Maddalena era la loro “casa”. Oggi non è più esistente, ma sappiamo dalle fonti che era «intra moenia Baroli sita» e che ebbe un ruolo primario nella storia di questo ordine cavalleresco, divenendo già dalla fine del 1100 il centro più importante dell’organizzazione nel regno di Sicilia, sino a diventare sede del Maestro Provinciale dell’Apulia e poi dell’Apulia-Sicilia.

barletta

Il poderoso Castello è il risultato di diversi secoli di sovrapposizioni, cominciate a partire dal primitivo torrione normanno del 1100, che si può ammirare ancora oggi.

barletta

Durante le Crociate svolse il fondamentale ruolo di crocevia per le spedizioni che da qui partivano per la Terra Santa. Anche l’Imperatore Federico II gli rivolse le sue attenzioni.

3

Tuttavia l’impronta attuale gli è stata data da Carlo V nel 1532…

4

5

Oggi svolge una pregevole funzione turistica, accoglie i visitatori, e custodisce anche vari reperti…

6

La foto sottostante l’abbiamo capovolta per far apprezzare meglio gli stemmi qui custoditi…

7 capovolta

barletta

Dal Castello si vede benissimo la Cattedrale di Santa Maria Maggiore…

barletta

barletta

Monumento fondamentale per la storia della città, il suo sito risulta utilizzato da millenni, per vari scopi, a partire da una serie di tombe “a grotticella” del III secolo a.C., fino alla basilica paleocristiana del VI secolo, rivisitata nei secoli successivi, fino al definitivo impianto gotico del XIV secolo.

11794400_797759766987920_5176319447634128969_o

Gli scavi farebbero risalire questa basilica a San Sabino, vescovo della Diocesi di Canne e Canosa (514-566 d.C.) che nel 536 approdava a Barletta, antico porto di Canosa. Il legame con San Sabino è testimoniato dal suo monogramma personale presente sui mattoni che ricoprono parte della basilica paleocristiana, che risalirebbe quindi al periodo compreso tra il 536 e il 586. Una complessa decorazione a mosaico policromo copriva interamente il pavimento della basilica.

11807186_797759950321235_308527614234179298_o

Su una campitura di tessere bianche sono inserite tessere nere, rosse, grigie e gialle che creano molteplici motivi geometrici e simbolici, tra cui rileviamo: croci, nodi di Salomone, fiori, tralci di vite.La tipologia del pavimento barlettano si inserisce nella produzione dell’area geografico apulo-lucana del V e VI secolo, con una spiccata influenza di matrice adriatico-ellenica, tipica delle produzioni egee del VI secolo.

11836717_797759733654590_7958271594884354655_n

11885682_797760160321214_2774813924196446765_o

11

All’esterno si può apprezzare un antichissimo basolato, un tempo l’originario fondo stradale…

12

barletta

Cattedrale, particolari della facciata.

14

Cattedrale, particolari della facciata.

15

Cattedrale, particolari della facciata.

barletta

Ma entriamo all’interno, per apprezzarne l’imponenza…

17

18

19

20

21

Famoso è il Colosso di Barletta, una colossale statua di bronzo del V secolo, un uomo con vesti imperiali tardo romane o bizantine che qualcuno dice fu portato in Puglia da Ravenna, da Federico II, per essere poi trasportato a Melfi, ma che l’improvvisa morte dell’Imperatore lasciò per sempre in questa città.

colosso di barletta

La sua altezza supera i 5 metri e dal vivo desta veramente grande meraviglia…

…qui sopra lo vediamo in una stampa settecentesca.

 

23

chiesa san pietro, barletta

Chiesa di San Pietro, affacciata davanti alla Cattedrale.

basilica Santo Sepolcro, barletta

Stupenda anche la Basilica del Santo Sepolcro, opera della fine del XII secolo, che conserva tesori della sua epoca e affreschi del XIII secolo…

26

Entriamo all’interno anche di questo capolavoro…

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

Ma Barletta è legata più di ogni altra cosa alla famosa Disfida, avvenuta nel 1503, nel celebre duello fra 13 cavalieri italiani e altrettanti francesi, risolto con la vittoria dei primi, in un impeto di orgoglio che qualche scrittore dell’epoca cantava esaltato con toni patriottici, secoli prima dell’Unità Nazionale.

38

cantina della sfida

Tutto ebbe inizio qui, nella cosiddetta Cantina della Sfida. Era l’epoca in cui Spagnoli e Francesi si contendevano il dominio del sud Italia, fra scontri e scaramucce incessanti che pareva non dovessero mai avere fine. Dopo uno di questi scontri, venne catturato un capitano francese, tale La Motte, punto sul vivo durante un banchetto che si teneva in questo palazzo, dagli spagnoli, che cantavano il valore militare degli italiani.

40

Pare che il cavaliere italiano, Ettore Fieramosca, avesse già da tempo sfidato a duello un francese, senza ottenere risposta, perciò il La Motte si alzò tracotante, dicendo che senza problemi lui ed altri 12 cavalieri francesi avrebbero battuto 13 rivali italiani per chiarire la questione del valore una volta per tutte.

41

La Cantina è oggi visitabile in tutta la sua bellezza dell’epoca, arricchita da una collezione di vestiti d’epoca, che ben calano nell’atmosfera i visitatori.

42

43

44

45

Gli ambienti sono veramente suggestivi, e non mancheranno di sorprendere chiunque.

46

47

disfida di barletta

Per la cronaca, la Disfida di Barletta avvenne il 13 febbraio 1503 e vide gli italiani (che venivano da diverse zone d’Italia) compiere prodigi di valore. Un francese morì, gli altri si arresero all’impeto inaspettato degli italiani, che vennero subito acclamati come eroi.

barletta

La Cantina conserva anche le 13 insegne dei Cavalieri, in primis quella del Fieramosca, raffigurata come un graffio sopra in giglio francese. Una bellissima rievocazione storica ridà vita ogni anno, in agosto, nel fossato del castello di Barletta, a questa celebre epopea, che ritorna dal medioevo ancora viva fino ai nostri giorni.

50

Barletta, una città da vivere, per tutti gli amanti della storia di questo lembo d’Italia!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Barletta, la città e la Disfida

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.