Il Castello di Tutino a Tricase

Tutino è un rione della città di Tricase, nel Salento sud orientale. In questa antica borgata sorge il castello dei Trane, fortezza molto interessante, che conserva ancora parte del fossato originario.

Costruito durante il Quattrocento, costituì nei secoli un rifugio sicuro per gli abitanti del casale di Tutino. Le sue possenti mura sono alte 6-7 metri e spesse 1,40 metri, realizzate in pietrame e bolo.

Delle numerose torri che c’erano lungo il circuito murario, oggi ne rimangono solo cinque, alcune con base a scarpa, collegate sulla sommità da un camminamento di ronda visibile ancora in alcuni tratti.

Verso la fine del XVI secolo era divenuto ormai obsoleto, rispetto ai dettami dell’architettura militare dell’epoca, quindi fu ceduto dal conte di Alessano Andrea Gonzaga a don Luigi Trani.

Quest’ultimo ne modificò struttura per farne una dimora signorile. Sul lato orientale, il fossato lasciò il posto a un’elegante facciata rinascimentale articolata su due livelli con un severo portale sormontato dallo stemma nobiliare: un drago alato e rivoltato, mirante una stella di 8 raggi e sostenente con la branca destra una testa di toro e con quella sinistra un libro. Lungo la facciata un registro con un’epigrafe in latino ne ricorda la costruzione avvenuta nel 1580. Ognuna delle finestre della facciata riporta nella decorazione dell’architrave un motto in lingua latina. Divenuto successivamente di proprietà della famiglia Gallone, ultimi baroni di Tutino, passò poi nelle mani della famiglia Caputo che ne destinò gli ambienti alla lavorazione del tabacco fino agli sessanta del secolo scorso.

Grazie alle foto dell’amica Brizia Minerva a seguito di una visita condivisa sui social, possiamo condividere una visita in questo scrigno secolare di storia. Cominciando da questo accesso, decorato da questa curiosa immagine scolpita…

Gli ambienti interni si inseguono uno appresso all’altro…

 

L’architettura è semplice e severa…

Restano traccia di alcuni stemmi nobiliari…

…antichi blasoni di una potenza che fu.

La tenera pietra tufacea modellata anche dal tempo…

…mostra indomiti cavalieri cinquecenteschi, a mò di decoro di architravi.

Per questo luogo, da pochi conosciuto, si prospetta un ritorno a nuova vita. Attendiamo tutti ansiosi di condividere una visita di persona!

(fotografie dell’interno di Brizia Minerva, info da wikipedia)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

Il castello di Tutino

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.