Villaggi rupestri di Terra d’Otranto

La fine dell’Impero Romano segnò l’inizio di una nuova era nel mondo, ed ovviamente anche in Salento. La mancanza di un’autorità statale, la decadenza delle città costiere per via degli assalti dei predoni, la recessione economica, spinse gli abitanti nell’entroterra. La roccia di questo territorio era facilmente lavorabile, inoltre esso era ricchissimo di grotte e cavità naturali. Quindi venne naturale alla gente di adattarsi alla natura e al momento storico.

Bisogna specificare però che la pratica di abitare in grotta in Salento è certificata già nel periodo preclassico. Poi fu abbandonata durante l’Impero, ripristinata subito dopo, ma non va considerata come sostitutiva: i villaggi in rupe coesistettero semplicemente con quelli “normali” di pietra e legname. La “civiltà rupestre”, come la definì Cosimo Damiano Fonseca, non va considerata alla stregua dei trogloditi preistorici, anzi, vide il fiorire di vere e proprie città. E che non va identificata esclusivamente con l’arrivo dei monaci dall’oriente, perseguitati da Leone III dal 726 d.C.

villaggi rupestri del salento 1

Facciamo un viaggio nella realtà di Terra d’Otranto, una terra carsica, che ha visto il proliferare di genti fin dalla preistoria, all’interno delle sue grotte, che si estendono da Otranto e il capo di Leuca fino alle Murge tarantine e ad Egnazia, estremo nord brindisino, dove l’antica città messapica e poi fiorente colonia romana, vide lo spostamento in blocco dei suoi abitanti nelle lame del suo entroterra

villaggi rupestri del salento 2

Cominciamo proprio dal territorio di Egnazia, presso Fasano. Le lame sono una sorta di gravina in piccolo, antichi fiumi prosciugati (ma che ancora oggi durante la stagione delle piogge si riempiono di acqua corrente) ai cui lati la roccia friabile è sempre stata modellata, per allargare grotte o scavarle completamente…

villaggi rupestri del salento 3

Le lame di Fasano sono diverse, qui siamo a Lama d’Antico, un villaggio molto grande, dotato di ogni ambiente per i bisogni dei suoi uomini e animali, ma anche di chiese, cisterne e quant’altro…

villaggi rupestri del salento 4

La costruzione della chiesa dava la possibilità agli artigiani della comunità di dare sfoggio di tutta la loro perizia…

villaggi rupestri del salento 5

…sia con lo scalpellino che con i colori dei loro affreschi!

villaggi rupestri del salento 6

Originariamente, in queste chiese, si officiava e scriveva in greco, poi quando fu introdotto il rito latino i pannelli iconografici hanno conservato i santi di entrambe le “fazioni”.

villaggi rupestri del salento 8

Quello che lascia di stucco nel visitatore è l’incredibile bravura degli uomini che qui hanno scavato e modellato gli ambienti…

villaggi rupestri del salento 9

…ma ovviamente lo spettacolo che resta più impresso nel visitatore sono le chiese rupestri. Ogni lama del fasanese ne ha almeno una…

chiesa s giovanni lama tamurrone

Sopra, siamo in lama Tamurrone, all’interno della chiesa di San Giovanni, in parte restaurata per salvarla dal crollo.

villaggi rupestri del salento

Mentre qui siamo in lama San Lorenzo, dove troviamo la sua omonima cripta, dall’architettura e l’apparato iconografico veramente affascinante…

chiesa s lorenzo lama s lorenzo 2

Da notare la perfezione dello scavo, interamente ricavato nella parete rocciosa…

chiesa s lorenzo lama s lorenzo 3

Qui troviamo uno dei San Nicola più belli di Terra d’Otranto…

villaggi rupestri del salento

…e meravigliose absidi, scavate e interamente affrescate, con immagini di sublime perfezione…

chiesa s lorenzo lama s lorenzo 5

…che in questo caso mostrano il Cristo, affiancato dalla Madre e San Giovanni Battista.

villaggi rupestri del salento

Sopra vediamo l’immagine forse più significativa del complesso: mostra San Benedetto e San Basilio. Il primo, sulla sinistra, lo vediamo nell’abito con cui fu riprodotto fino all’anno Mille (il che data con certezza anche la chiesa), benedicente alla maniera latina. Sulla destra, il santo orientale per eccellenza, San Basilio, che benedice alla bizantina. Sono posti affiancati, nel momento in cui avveniva il passaggio dal rito ortodosso a quello romano.

villaggi rupestri del salento

Scendendo verso sud, siamo in territorio di Ostuni, e le lame caratterizzano anche questo territorio, a testimonianza di come questi fiumi preistorici furono abitati nei secoli in maniera quasi continuativa. Qui, infatti (siamo in lama cornula), lungo tutte le pareti di questa piccola gravina si ritrovano graffiti con date che ci riportano ancora al 1800, quando i numerosi ripari e grotte presenti in sito furono utilizzati anche dai pastori per i loro animali.

lama cornula 2

Ed infatti troviamo ambienti che sono stati “ammodernati”, come questo ingresso decorato da architrave ed un imbotto per la porta…

villaggi rupestri del salento

…o qui sopra, dove vediamo un’intera parete ricostruita con conci a secco.

lama cornula 3

Qua e là il segno graffito del “Cristo-luce”, la croce posta sul Golgota…

villaggi rupestri del salento

In questa lama le grotte naturali sono numerosissime, e molto ampie…

villaggi rupestri del salento

…le pareti rocciose sono composte da una pietra talmente soffice che pare sbriciolarsi con uno sguardo!

villaggi rupestri del salento

Per questo, della chiesa di questo villaggio resta solo ciò che possiamo vedere sopra: le absidi. Il crollo laterale ha esposto agli agenti atmosferici tutto l’ambiente, cancellando ogni traccia di affreschi.

villaggio e cripta di san biagio a san vito 1

Stiamo facendo un volo sopra la Terra d’Otranto, ovviamente senza vedere tutti i villaggi rupestri ma quelli che rendono l’idea del patrimonio del territorio. Continuando verso sud, siamo in territorio di San Vito dei Normanni, davanti allo splendido insediamento di San Biagio…

villaggi rupestri del salento

Tutti questi villaggi avevano l’acqua corrente una volta, e qui, ancora oggi possiamo vedere il Canale Reale che passa accanto…

villaggio e cripta di san biagio a san vito 3

La chiesa rupestre di San Biagio è una delle più importanti, una delle poche ad aver conservato l’iscrizione: in lingua greca, riporta la data 8 ottobre 1196, ed inoltre alcune notizie circa il committente degli affreschi, il suo igumeno bizantino (il custode del tempio), e forse anche sull’autore degli affreschi, un certo Daniele. Sopra notiamo i sedili scavati nella roccia che corrono intorno alla chiesa…

villaggio e cripta di san biagio a san vito 4

…che era interamente decorata, anche sulla volta…

villaggio e cripta di san biagio a san vito 5

…particolarmente pregevoli, tutti i dipinti!

villaggio e cripta di san biagio a san vito 6

Non molto lontana, la chiesa rupestre di San Giovanni…

cripta di san giovanni a san vito 1

…sormontata da una croce graffita sull’ingresso…

cripta di san giovanni a san vito 2

…all’interno non è rimasto molto, ma basta quest’opera a lasciarci stupefatti!

villaggio rupestre di acaya

Nei pressi di Acaya c’è un villaggio non molto noto, il cui proseguimento lo abbiamo scoperto quasi casualmente, nascosto fra la vegetazione mediterranea. Un insediamento atipico, per cui necessita un approfondimento.

valle dell'idro

Nel sud Salento i villaggi rupestri più significativi li troviamo nella Valle dell’Idro, fra Uggiano la Chiesa e Otranto, dove incontriamo anche interessanti costruzioni a cellette

chiesa di san nicola otranto

La chiesa più significativa di questa valle è dedicata a San Nicola (sopra), ma versa in stato di conservazione non buono: gli affreschi sono andati perduti.

valle del fano a salve

Interessante anche la Valle del Fano (Salve), proprio nel Capo di Leuca, che nasconde una cripta dove sopravvivono un paio di santi che sono fra gli affreschi più antichi di Terra d’Otranto…

valle del fano a salve2

…qui sopra ne vediamo uno.

villaggio rupestre di ugento

Sopra invece siamo nel villaggio rupestre di Ugento, altra meravigliosa visita a cui vi rimandiamo a questo articolo.

villaggio rupestre di taranto 1

Risalendo la penisola salentina arriviamo a Taranto, in un luogo isolato da cui si gode la vista della città e del Mar Piccolo, del Golfo, dove si apre un’altra, inaspettata lama a tagliare il suolo…

villaggio rupestre di taranto 2

…ed è fra queste rupi, che si ritrovano le tracce di un altro piccolo villaggio, e della sua chiesa, i cui affreschi sono purtroppo in via di distruzione, per via del crollo della volta e del suo totale abbandono…

villaggio rupestre di taranto 3

villaggio rupestre di taranto 4

Oltrepassata Taranto, cominciano le Murge… ed è qui che comincia uno spettacolo ancora più grandioso!

gravina di mottola

E’ qui che la più blasonata regione della Cappadocia, in Turchia, rischia essa stessa di trovare un territorio ancora più interessante! La Gravina di Riggio, a Grottaglie, quella di Petruscio, a Mottola… Si impone una visita più approfondita fra i comuni di Castellaneta, Ginosa, Mottola, Grottaglie, Massafra

castellaneta

…anche se il patrimonio delle chiese rupestri è veramente infinito, per cui vi rimandiamo ad un’altra galleria che le racchiude… invitandovi caldamente a venire di persona a vedere coi vostri occhi. Sceglietevi la zona, perché il viaggio è lungo… e buon viaggio nella storia a tutti!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Villaggi rupestri di Terra d’Otranto

One comment to Villaggi rupestri di Terra d’Otranto

  • Giovanni Spano  says:

    Mamma mia che spettacolo, e noi continuiamo a dire :”ma qui non c’è niente!”, che peccato, non conosciamo nulla del nostro territorio. Se riuscissimo a valorizzare tutte queste bellezze, potremmo avere turismo tutto l’anno e non piangerci addosso, lamentandoci che si lavora solo due mesi: luglio e agosto, periodo, per il quale si investono una montagna di quattrini; per la cultura e il territorio, non ci sono risorse. Bravi ragazzi continuate a far conoscere questo nostro Paradiso terrestre.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.