L’Ipogeo di Torre Pinta a Otranto

Chi ama quei luoghi che emanano denso, come un tanfo di umidità, l’odore della Storia, ma anche un’aura di mistero, legata ad origini ed usi sconosciuti e misteriosi, non può che visitare, almeno una volta, l’ipogeo di Torre Pinta. Siamo a Otranto, nella meravigliosa Valle delle Memorie, in un contesto naturalistico quasi incontaminato, che ha dato casa e natali a genti e generazioni nei secoli.

Fu scoperto nel 1967, ed a tutt’oggi non c’è alcuna datazione sicura di questa monumentale struttura, interamente scavata nella roccia. Non si sa chi la fece, e perché.

ipogeo torre pinta a otranto 1

Torno spesso qui, a salutare la proprietaria dell’agriturismo nel quale sorge il monumento (che ha preso anch’esso nome Torre Pinta), una cara persona molto socievole, che ha colto l’importanza di questo luogo, e non cessa di farlo scoprire a chiunque. ipogeo torre pinta a otranto 2

Ci entro, ancora una volta… perché, vi assicuro, se vi trovate davanti a questo ingresso, e lo varcate, l’esperienza resterà nei vostri ricordi… e ci ripenserete… e tornerete…

ipogeo torre pinta a otranto 3

Un corridoio scavato nel banco roccioso, lungo 33 metri, si spalanca davanti… la lunga serie di cellette ricavate sulle pareti, subito riporta alla mente i colombari Romani, ossia quel tipo di costruzione funeraria composta da nicchie in cui venivano conservate le urne con le ceneri dei defunti. Sulla sinistra vediamo un grande arcosolio, dove immaginiamo dunque il morto, posto seduto, mentre si preparava il rito di incinerazione, che probabilmente avveniva nella stanza sulla destra…

ipogeo torre pinta a otranto 4

…dove si entra abbassando il capo… e si trova anche un piccolo sfiatatoio, che serviva evidentemente a disperdere il fumo del fuoco…

ipogeo torre pinta a otranto 5

…torniamo nel corridoio…

ipogeo torre pinta a otranto 6

…seguito anche da un sedile laterale, da entrambi i lati, per tutta la sua lunghezza…

ipogeo torre pinta a otranto 7

… il corridoio termina in prossimità di tre absidi, voltati a botte (esattamente come il corridoio stesso), alle quali si accede attraverso alcuni scalini. La cupola centrale crollò nel XVII secolo, e in quel momento fu costruita dagli abitanti della masseria superiore una torre colombaia, che si integra perfettamente con le decine e decine di cellette di cui si compone l’ipogeo.

ipogeo torre pinta a otranto 8

Sulle funzioni, e sopratutto sulla datazione, si sono sbizzarrite le teorie nel corso degli anni. Alcuni dicono che potrebbe risalire al Neolitico, successivamente ampliato, e sfruttato dalle comunità paleocristiane, a cui risalirebbe la pianta a croce latina…

ipogeo torre pinta a otranto 9

Qualcuno ci ha visto una contaminazione arcaica, o ellenistica, e ipotizzano che l’ingresso della struttura si allineasse col sole, al tramonto, nel solstizio d’estate. Quest’ultima ipotesi, considerando le variazioni degli equinozi nel corso dei millenni, lo daterebbe addirittura al X secolo a.C.

ipogeo torre pinta a otranto 10

Ovviamente sono tutte congetture. Il problema è che nella struttura non fu mai rinvenuto alcun reperto archeologico, o un affresco, che ne consentisse uno studio scientifico. Questo è dovuto senz’altro alla diversa destinazione d’uso che se ne fece nel XVII secolo, quando l’ipogeo fu “ripulito”.

ipogeo torre pinta a otranto 11

Tuttavia le sensazioni che trasmette al visitatore sono vivide. Accompagnando un’amica qui dentro, una persona che non vede troppi luoghi simili, mi confidava della sua sensazione, camminando nel grande corridoio, di una sorta di utero materno, di “nascita”, un’energia benigna e positiva, che l’ha avvolta per tutta la giornata. L’amico Elio Paiano mi raccontava invece del meccanismo naturale di “mummificazione” che subivano invece oggetti biologici (come ad esempio una mela) lasciati appoggiati al suo interno. Di certo, un luogo di “passaggio”… la vita e la morte, a braccetto ed in accordo…

ipogeo torre pinta a otranto 12

All’esterno, un’altra struttura circolare che sembrava avere ai suoi tempi anch’essa queste cellette nella pietra… La Valle delle Memorie avrebbe tanto da raccontare!

 

 

(che ringrazia di cuore l’amica Maria Giovanna, per la cortesia e la solita visita che mi ha concesso nel suo meraviglioso agriturismo)

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

L’ipogeo di Torre Pinta a Otranto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.