Taranto, la città dei due mari

Il mito racconta che Taras, il figlio di Poseidone, dio del mare nell’Olimpo greco, giunse in questo magnifico golfo in dorso ad un delfino, per dar vita a questa città millenaria: Taranto. Ma anche se sono stati gli spartani a scegliere questo sito privilegiato, centinaia d’anni prima di Cristo, mai fu fatta scelta più azzeccata. Posta a metà fra il Mar Piccolo e Mar Grande, di fronte ad un mare pescoso e battuto da tutte le rotte marittime d’ogni tempo, Taranto si pose molto presto alla ribalta della Storia. Ergendosi ben più alto di tutte le altre colonie greche sorte in Italia, proclamandosi di fatto capitale della Magna Grecia. E lottando contro le popolazioni indigene, primi fra tutti i Messapi. Conobbe un periodo di grande splendore, come testimoniano i reperti del Museo Nazionale di Taranto, il Marta. Si arrese soltanto alla superiorità dei Romani, sotto i quali conobbe il declino.

taranto

Il castello aragonese visto dal mare

2

Il ponte girevole

3

Fortezza napoleonica sull’isola di San Pietro

4

La città vecchia di Taranto conserva ancora la struttura medievale. Sotto l’imperatore Niceforo Foca, a partire dal 967, tornò a rifiorire. Ma fu durante il regno di Raimondello del Balzo Orsini che Taranto divenne Principato, e dominò gran parte della Puglia e della Basilicata, diventando un vero e proprio regno, nel regno di Napoli.

5

Castello aragonese

6

7

8

La Cattedrale di San Cataldo è un insigne monumento edificato a partire dal 1070, sui resti di una chiesa più antica. Purtroppo del suo mosaico pavimentale, coevo di quello più celebre di Otranto, è rimasto solo qualche suggestivo brandello. Ma resistono altre preziose testimonianze, come il cappellone di San Cataldo e la cripta ipogea…

9

Taranto, Cattedrale

10

Taranto, mosaico pavimentale della Cattedrale

11

Taranto, mosaico pavimentale della Cattedrale

12

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

13

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

14

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

15

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

16

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

17

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

18

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

19

Taranto, Cattedrale, cripta ipogea, particolari.

20

Taranto, Cattedrale

21

Cattedrale, Cappellone di San Cataldo

22

Cattedrale, Cappellone di San Cataldo

23

Cattedrale, soffitto del Cappellone di San Cataldo

24

Cattedrale, Cappellone di San Cataldo

25

Taranto, Cattedrale

26

Taranto, Cattedrale, baldacchino

27

28

29

30

31

32

La chiesa di San Domenico è opera del XI secolo, successivamente risistemata. La facciata si presenta imponente e suggestiva. L’interno conserva numerosi e pregevoli altari, e le statue di cartapesta della processione dei Misteri, opere quasi tutte del celebre cartapestaio leccese Giuseppe Manzo.

33

Chiesa di San Domenico Maggiore

34

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

35

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

36

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

37

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

38

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

39

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

40

Chiesa di San Domenico Maggiore, interni.

Ma Taranto offre al visitatore ogni sorta di meraviglia, come dimostra questa gallery.

41

Chiostro dell’ex convento nei pressi della cattedrale

42

Colonne doriche del tempio greco

43

Colonne doriche del tempio greco

44

Palazzo di città

46

47

Chiesa di San Pasquale Baylon

Taranto è disseminata dei resti della sua storia. Nel bel mezzo delle moderne vie intasate dal traffico spiccano i resti dell’acquedotto romano…

48

49

L’acquedotto continua anche fuori città, per finire in territorio di Statte. Si notano anche i successivi periodi di ristrutturazione, operati in epoca bizantina…

50

51

52

Resti delle mura della città spartana

53

Monumentale tomba a quattro camere d’epoca classica

54

Cripta del Redentore, particolari.

55

Cripta del Redentore, particolari.

56

Cripta del Redentore, particolari.

57

Veduta della grande necropoli di via marche

58

Un recente scavo in località Belvedere

59

Una delle tante e meravigliose vetrine del Museo Nazionale

jonian dolphin conservation

Il golfo di Taranto è popolato da delfini, di diverse razze. La Jonian Dolphin Conservation si occupa di studiare e proteggere queste affascinanti creature. E per auto sostenersi promuove meravigliose gite in mare con i turisti che vogliano fare questa entusiasmante esperienza. Per maggiori informazioni visita il sito www.joniandolphin.it

Stanelle sotto Taras

Taranto è una città da visitare. Recentemente diverse cooperative si sono messe a disposizione di tutti i turisti, per visite guidate in ogni angolo della città, sopratutto per i percorsi sotterranei. Un’esperienza veramente da vivere!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Taranto, la città dei due mari

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.