acquedotto tagged posts

Nelle viscere dell’Acquedotto di Lecce

E’ stata un’emozione unica, per il geologo Stefano Margiotta, poter discendere ed esplorare l’acquedotto e il pozzo “Cozza Guardati”, una grandiosa opera idraulica eseguita a cavallo del 1900 con lo scopo di fornire di acqua gli abitanti di Lecce e non solo. Un incredibile libro scritto nella roccia e nel sottosuolo, dove si legge di geologia, idrogeologia, archeologia industriale, ma anche di storia di Lecce, che merita di essere portata alla conoscenza di tutti.

La siccità è sempre stata per...

Read More

L’Acquedotto del Triglio fra Statte e Taranto

A nord della città di Taranto si alzano le Murge, si susseguono lame e gravine, e diverse e grandi sorgenti naturali consentirono in antichità la costruzione di una delle più importanti e imponenti vie dell’acqua costruite dall’uomo in Puglia: l’acquedotto del Triglio. Un’opera colossale, lunga diversi chilometri, molti dei quali situati alcuni metri nel sottosuolo della gravina di Statte.

La parte iniziale, infa...

Read More

Paesaggio rupestre di Gallipoli

Incontrare due amici nelle campagne gallipoline, appassionati di storia locale, mi ha concesso l’opportunità di leggere un testo dello storico Ettore Vernole, che negli anni ’30 lavorò ad un saggio sulle caratteristiche del paesaggio rupestre di Gallipoli, dal titolo: “Tombe preistoriche nel Salento”. Così abbiamo ripercorso le sue orme, nel paesaggio rurale fra Alezio e Gallipoli.

Scoprendo le cripte, fr...

Read More

Le Fonti di Carlo Magno

Che Carlo Magno, il grande re dei Franchi che nella notte di Natale dell’anno 800 fu incoronato Imperatore del Sacro Romano Impero, sia passato dal Salento, è una leggenda talmente radicata nell’anima degli otrantini, e degli abitanti della Valle dell’Idro, da persistere nei secoli, fino ai nostri giorni. Forse giunse in questa parte della Penisola per contrastare i saraceni, fatto sta che proprio nella Valle dell’Idro restò senz’acqua, e se la vide brutta.

Finché ad un certo punto, per...

Read More

Taranto, la città dei due mari

Il mito racconta che Taras, il figlio di Poseidone, dio del mare nell’Olimpo greco, giunse in questo magnifico golfo in dorso ad un delfino, per dar vita a questa città millenaria: Taranto. Ma anche se sono stati gli spartani a scegliere questo sito privilegiato, centinaia d’anni prima di Cristo, mai fu fatta scelta più azzeccata. Posta a metà fra il Mar Piccolo e Mar Grande, di fronte ad un mare pescoso e battuto da tutte le rotte marittime d’ogni tempo, Taranto si pose molto presto alla ribalta della Storia. Ergendosi ben più alto di tutte le altre colonie greche sorte in Italia, proclamandosi di fatto capitale della Magna Grecia. E lottando contro le popolazioni indigene, primi fra tutti i Messapi...

Read More