Specchia Miano, il colosso nascosto

Non è lontana dalla strada provinciale Francavilla-Ceglie, ma cercarla e localizzarla fra i grandi olivi secolari rende ancora più speciale ritrovarsela davanti: la grande Specchia Miano. Un’opera colossale, che ancora oggi custodisce aspetti misteriosi, circa l’utilizzo e la costruzione.  Cosimo De Giorgi, esplorando il Salento, fece ricerche a proposito di questo tipo di monumento, ma questo sfuggì al suo censimento. 

Anche il Galateo (nel 1500) era interessato alle grandi specchie (un termine che si cominciò ad usare nel Medioevo) e lui era combattuto fra il considerarle fortezze crollate o monumentali tombe principesche, tipo quelle che si erigevano in età classica sull’altra sponda adriatica.

specchia miano

Giungendo in questo luogo si ha subito l’impressione di non trovarsi davanti ad un semplice cumulo di pietre. E nemmeno di un pagliarone, tipo quelli che si trovano nel basso Salento, di grandi dimensioni, e che in questo caso sia semplicemente collassato. Siamo in Valle d’Itria, la terra dei trulli, qui non si costruiva con la tecnica dei parenti più prossimi. E la dimensione della struttura supera tutti i grandi pagliaroni finora censiti in Salento.

specchia miano

Inoltre c’è un particolare che balza subito agli occhi: i cumuli che circondano la stessa struttura. La sensazione è quella della grande piramide di Giza, coi suoi piccoli gemelli intorno…

specchia miano

…non quindi semplici ammassi di pietrame, ma tombe, in ordine di grandezza per l’importanza che ebbe la sepoltura. Guardando l’immagine aerea da Google maps, ci si rende subito conto che si tratta di strutture perfettamente circolari…

Immagine

…dei tholos! La tomba megalitica con struttura a cono che si cominciò ad utilizzare fin dall’età del bronzo, e che così spesso si rintraccia nell’area mediterranea.

specchia miano

Scalando la vetta si può scorgere un enorme panorama, nonostante la struttura sia crollata ed abbia perso la sua altezza originaria che, chissà, poteva anche raggiungere i venti metri.

DSC00308

La sommità conserva questa apertura, colma di ormai anche di erba spontanea.

DSC00309

Da questa altezza di scorge benissimo la città di Ceglie Messapica…

DSC00312

…ma anche il mare Adriatico, visto che è stata costruita su un terreno collinoso già sopraelevato. Certamente i Messapi la utilizzavano come punto di osservazione.

specchia miano

La grandezza dei massi utilizzati è veramente imponente.

specchia miano

La solitudine di questo luogo concilia i pensieri.

DSC00326

E queste strutture hanno ancora molto da far pensare. Non è ancora possibile datarle con certezza, e questo non fa che accrescere il loro fascino.

DSC00328

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Specchia Miano, il colosso nascosto

2 comments to Specchia Miano, il colosso nascosto

  • Fabio Selleri  says:

    Ciao Alessandro, la struttura assomiglia vagamente alla specchia dei mori o sbaglio? Quell’apertura sulla sommità farebbe pensare ad un pajarone collassato. C’erano tracce di aperture laterali lungo la circonferenza?
    Comunque molto interessante e bravo come sempre!

    • salentoacolory  says:

      Troppo grande per un pagliarone dei nostri, credimi…

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.