arnesano tagged posts

La Brigata degli Amici dei Monumenti

Abbiamo già conosciuto la storia del principe Sebastiano Apostolico Orsini, figura luminosa di un idealista romantico ottocentesco, di cui non nascondo il mio personale innamoramento. Cerco le sue tracce da quando, da ragazzino, andavo in bicicletta nelle campagne di Arnesano, nel cuore della Valle della Cupa, per passeggiare nella sua terra, guardare la sua casa…

…la s...

Read More

L’Idoletto di Arnesano

ENGLISH-ITALIAN VERSION. La Valle della Cupa, la grande depressione alluvionale del Salento centrale, ha restituito nel 1968 la più antica scultura in pietra del Salento: il cosiddetto Idoletto di Arnesano. Presso l’attuale Comune, in località Riesci, già Cosimo De Giorgi aveva individuato alla fine del 1800 l’esistenza di un villaggio del Neolitico,

catalogando...

Read More

La casa del Principe Sebastiano Apostolico Orsini

Luminosa figura del Salento autentico, Sebastiano Apostolico Orsini rappresenta la più nobile nobiltà della Lecce ottocentesca, colma di slanci ideali e promotrice di tante innovazioni per la società del tempo. Nacque a Lecce nel 1853, viaggiò molto, per accrescere la sua cultura agraria, il suo chiodo fisso. Riuscì infatti a traghettare il Salento fuori dal sistema feudale in cui il territorio era da sempre impantanato.

Read More

Salento rurale

Ormai molti ci ritornano, lo amano, ma non conoscono a fondo un suo aspetto nascosto, da ricercare: il Salento rurale. Un paesaggio da scoprire, uscendo letteralmente fuori strada, studiando le mappe, magari anche quelle di Google, come niente salta fuori come minimo un enorme pagliarone nascosto dagli olivi!

Read More

Megaliti di Puglia

Centri cerimoniali, laddove, in onore delle divinità celesti e ctonie, venivano officiati riti magico-sacrali, continuano ad annidarsi all’ombra di ulivi millenari. Per la loro molteplice valenza nella preistoria rientravano nella sfera di spazi cultuali, sorvegliati da megaliti plasmati dalla forza prorompente della natura o forgiati dall’uomo come sepolture e come altari. Nella quiete della campagna di Puglia improvvisamente si spalancano al viaggiatore arcaici scenari rievocanti l’anima oscura del mondo imprigionata in virtù di un sortilegio in dolmen, menhir e menanthol innalzati quale tributo ai numi tutelari della vita e della morte da preistoriche comunità tribali...

Read More