Nella grotta dei graffiti nella Valle dell’Idro

La Valle dell’Idro è un piccolo mondo antropizzato che ha mantenuto quasi miracolosamente ambienti rupestri intatti e ricolmi di graffiti, che molto trasmettono ma anche nascondono, agli occhi del viandante moderno, in questa affascinante vallata. Un tempo erano ben diversi i pellegrini che la attraversavano, ed è difficile osservarla con gli occhi di allora, ma è un’esperienza da vivere.

Questo scorcio di Salento antico, che si protende verso oriente nasconde certamente altre cavità rupestri, nei dintorni. Qui, siamo nei pressi del Monte le Piccioniere…

…sul cui costone tufaceo si apre questa cavità artificiale…

…al cui lato, ma anche sopra l’ingresso, si aprono nicchie che certamente servivano da alloggio ai lumini. Era forse una meta per i viandanti che attraversavano la valle?

Nella grotta dei graffiti nella Valle dell'Idro

Una volta entrati, si apre una grande sala di forma vagamente quadrata. Non si può sapere il periodo in cui fu scavata, però si intuisce una lunga continuità abitativa.

Sulla destra, si apre l’accesso ad un altro ambiente: in basso, sulla destra, una pozzella perfettamente circolare, e sopra l’ingresso invece un’iscrizione…

…purtroppo non facilmente traducibile, per via del progressivo deteriorarsi della tenera roccia tufacea. Forse è proprio qui, la chiave interpretativa dell’ambiente.

Questo secondo ambiente è invece circolare…

…stranamente non presenta iscrizioni, ma varie nicchie e alloggiamenti ricavati nella parete rocciosa.

Torniamo nella sala dì accesso…

… completamente ricolma di croci, croci potenziate, rappresentazioni del Monte Calvario e simboli della Passione di Cristo…

E’ stata sezionata praticamente tutta la parete!

Le date rimaste sulla roccia partono dal Seicento, fino ad arrivare al Novecento!

Fra le varie ipotesi che ho raccolto su questa grotta, ce n’è una che la ritiene una sorta di “santuario” contadino di ex-voto…

…purtroppo non si trovano tracce che aiutino a comprenderla. Se non quella iscrizione, da tradurre…

Tornare fuori, nella vallata ricoperta da olivi, lascia dentro sensazioni intense, imbevute dall’odore di umidità, che traspira da queste rocce fino al nostro intimo, con tutto il suo carico leggero e insieme intenso di storia minima di questa terra.

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Nella grotta dei graffiti nella Valle dell’Idro

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.