Luigi De Mitri, fra terra e cielo

Per chi crede, si tratta di Dio, per gli altri è la mano del destino. Forse l’unico che non si pone il dilemma della strada che si è intrapresa nella vita, è proprio l’Artista. Gli antichi greci dicevano che gli artisti erano perseguitati dai demoni, anzi, da una “divina follia”. La verità dimostrata dai millenni del percorso dell’uomo lungo la via dell’Arte è che l’Artista crea perché non conosce altro modo per affrontare i propri demoni, in qualsiasi modo li si voglia intendere, i “demoni”.

Profughi albanesi nascosti in una grotta di Leuca. Olio su tela, 1995. Cm 170x110

“Profughi albanesi nascosti in una grotta di Leuca”. Olio su tela, 1995. Cm 170×110.

Forse, il “demone” scatenante di Luigi De Mitri, autentico maestro della pittura, del disegno e dell’affresco del Salento, è stata la prematura scomparsa di suo padre, morto appena prima che il figlio nascesse, in un drammatico incidente ferroviario. Luigi crebbe con affianco i dipinti del padre mai conosciuto. Chissà, forse inconsciamente intraprese la sua strada. Un talento innato, straripante, incontenibile, fin dall’infanzia. Dopo i primi prodigi delle scuole elementari e medie, l’Istituto d’Arte di Lecce, e poi l’Accademia delle Belle Arti. Ed ecco le ali che si aprono, dall’alto del monte delle Muse. Luigi sentiva stringersi dalla morsa di un ambiente soffocato da sè stesso e dalle convenzioni. Decide di partire per il suo volo solitario. Elabora il suo stile. Uno “sfumato” a metà fra Espressionismo ed Impressionismo, una visione ideale che ricostruiva una realtà intima e vibrante.

Famiglie di pescatori. Olio su tela, 1997. Cm 150x100

“Famiglie di pescatori”. Olio su tela, 1997. Cm 150×100.

Poi venne il momento dell’affresco, una tecnica antica e difficilissima, una vera e propria sfida, vinta in un tripudio di passione immolato sugli altari delle parrocchie fra Corato, Otranto e Giuliano. Opere di grandi dimensioni, addirittura diciotto metri di estensione ed un’altezza di quattro. Ed intanto le mostre con le sue opere venivano accolte in tutta Italia, spaziando da Roma a Milano, ed ovunque nel mondo, dagli Stati Uniti all’Europa, fino a Gerusalemme.

I bioritmi della storia. Olio su tela, 1995. Cm 150x100

“I bioritmi della storia”. Olio su tela, 1995. Cm 150×100.

I temi affrontati spaziano dal sacro al sociale, toccati sempre con quel suo stile personalissimo, che lascia l’occhio spettatore sospeso in un universo sfumato eppure deciso, misteriosamente luminoso, anche quando la tavolozza sembrerebbe povera.

I barboni della stazione Termini di Roma. Olio su tela, 1998. Cm 130x90

Nella sua copiosa produzione si ricordano i 100 dipinti su La Sacra Bibbia, 86 dipinti sulla Divina Commedia, 36 dipinti sugli amori infelici di Partenio di Nicea, 10 dipinti sui barboni della stazione Termini di Roma. Per la Libreria Editrice Vaticana ha arricchito con le sue miniature (un’altra tecnica molto antica di cui il maestro si è voluto impossessare) il libro di Papa Benedetto XVI, “Cercate le cose di lassù”.

Libro Benedetto XVI

 

Libro Benedetto XVI (2)

 

Luigi De Mitri, classe 1943, nativo di Squinzano, residente a Lecce, col cuore alla sua città ispiratrice, Leuca, continua a viaggiare per il mondo senza mai rinunciare al suo amato Salento. Continua a sperimentare, acquisendo e superando tecniche diverse, in uno slancio d’autentico amore per la vita.

Il Nettuno. Olio su tela, 2010. Cm 200x150

“Il Nettuno”. Olio su tela, 2010. Cm 200×150.

Naufragio di una speranza. Olio su tela, 2012. Cm 200x150

“Naufragio di una speranza”. Olio su tela, 2012. Cm 200×150.

Paolo VI

Paolo VI

Papa Bergoglio. Olio su tela, 2013

Papa Bergoglio. Olio su tela, 2013.

1

Il Maestro all’opera durante la realizzazione dell’affresco nell’abside della Chiesa Maria SS Immacolata, a Otranto.

2

3

4

5

 

di Alessandro Romano

(Per chi volesse conoscere meglio il maestro Luigi De Mitri, e le sue opere, contatti la nostra redazione).

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.