L’Immacolata di San Pietro in Lama

Vagando per il Salento è sempre entusiasmante scoprire i suoi scrigni nascosti, gli angoli di storia ed arte che non sempre sono accessibili, e che quando li si incontrano aperti al pubblico non possono che entusiasmare il visitatore alla ricerca delle bellezze di questa terra: uno di questi scrigni è la chiesa della Madonna Immacolata, posta all’ingresso di San Pietro in Lama.

Si tratta di una bellissima chiesa barocca, costruita durante il 1600. Osservando la sua facciata esterna non si immagina di scoprire quello che poi c’è al suo interno: un trionfo di pietra leccese e di interessanti tele, frutto della devozione degli abitanti di questo piccolo borgo.

Immacolata di San Pietro in Lama

2

L’altare maggiore è una vera esplosione barocca, custodisce al suo centro un affresco della Madonna con Bambino precedente, probabilmente del 1500…

3

4

5

Interessante, sulla sommità dell’altare, la tela che vediamo qui sopra, raffigurante Santa Irene che protegge la città di Lecce ed il Casale di San Pietro in Lama, di cui si può apprezzare anche un’immagine seicentesca…

6

Sul lato sinistro invece campeggia la figura di San Michele Arcangelo, opera di Nicola Maria de Tuglie (1659)…

7

…sulla destra, San Vito…

8

Veramente pregevole il ricamo delle statue e delle colonne tortili poste sull’altare maggiore…

San Pietro in Lama

San Pietro in Lama, chiesa Madonna Immacolata, tela della Vergine del Carmine.

10

San Pietro in Lama, chiesa Madonna Immacolata, tela con l’Immacolata.

11

Il recente restauro della chiesa ha messo in evidenza una sepoltura, posta proprio al centro dell’edificio. Una lastra di vetro permette di osservarla bene. I custodi della chiesa mi dicevano che risale al XIII secolo, ma di questo personalmente non ho trovato riscontro.

12

San Pietro in Lama, chiesa Madonna Immacolata, tela con la predicazione di San Francesco Saverio.

San Pietro in Lama

San Pietro in Lama, chiesa Madonna Immacolata, tela con il Calvario.

13

Una visita affascinante, che rivela quanti tesori nascosti custodiscano spesso sconosciuti tantissimi borghi di questo suggestivo Salento!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

L’Immacolata di San Pietro in Lama

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.