La cripta di San Giovanni a Latiano

E’ pena nel cuore, quella che sostituisce l’entusiasmo, quando si accede ad una chiesa rupestre che rimane l’ombra di ciò che doveva essere stata in passato. E’ il caso di questa piccola Chiesa rupestre intitolata a San Giovanni, scavata nel tufo di una lama di roccia che affiora nella piana di Latiano (provincia di Brindisi). Purtroppo degli affreschi originali sono rimaste labili tracce.

Un tempo tra i dipinti era probabilmente presente la figura di S.Giovanni da cui presumo prese nome la chiesetta.

cripta di san giovanni a latiano 1

cripta di san giovanni a latiano 2

cripta di san giovanni a latiano 3

cripta di san giovanni a latiano 4

cripta di san giovanni a latiano 5

cripta di san giovanni a latiano 6

L’interno è a navata unica, a pianta quasi quadrata, con 4 absidiole piane orientate ad est e formate da archetti ciechi.

cripta di san giovanni a latiano 7

cripta di san giovanni a latiano 8

Gli altari a parete, di tipologia detta “latina”, sono stati danneggiati, mentre l’absidiola a destra presenta un profondo scavo sulla parete.

cripta di san giovanni a latiano 9

cripta di san giovanni a latiano 10

La chiesetta è piccola ed è dotata di una porta e di una finestra ricavata probabilmente in epoca successiva alla costruzione originale.

cripta di san giovanni a latiano 12

Anche qui, come in molti altri siti rupestri, in periodo storici che non conosco, erano presenti porte di legno dotate di stipiti e di cardini inseriti in fori praticati nel basso soffitto o nell’architrave.

cripta di san giovanni a latiano 13

cripta di san giovanni a latiano 14

Un sentito ringraziamento al prof. Cosimo Galasso, presidente della Proloco di Latiano e appassionato studioso della storia locale, che mi ha accompagnato nella visita.

La cripta di San Giovanni a Latiano

Gianluigi Vezoli

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini di Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.