La Santa Barbara dimenticata fra le querce

Vagando sui testi più rari sulla storia del Salento, un giorno trovai il riferimento ad un’antica chiesa dedicata a Santa Barbara, costruita con enormi monoliti, che si trovava lungo la vecchia strada che un tempo portava da Muro Leccese a Otranto, esattamente in contrada Lacco, o Laccu. Non c’era altra notizia, ma il particolare delle grandi lastre mi incuriosiva molto.

Di solito, le chiese costruite con pietre così grandi risalgono al periodo alto-medievale, almeno quelle esistenti in Salento, mi interessava molto, così l’ho cercata!

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 1

Ci son voluti due giorni liberi, ma alla fine l’ho localizzata!

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 2

Purtroppo non resta molto, la volta è crollata, ma il perimetro è ancora in piedi, tenuto assieme da questi massi poderosi…

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 3

…alcuni dei quali sono lunghi ben oltre il metro e mezzo!

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 4

Si nota meglio con la figura umana accanto.

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 5

L’interno è un ammasso di detriti e grandi lastre…

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 6

…ed è completamente ricolmo, e devastato dalla crescita di alberi di quercia…

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 7

La chiesa, che doveva essere forse una semplice cappella, è posizionata lungo l’antica via Muro-Otranto, che oggi conduce a Masseria Lacco. Accanto, ha un bosco di querce da un lato, e dall’altro un altro sentiero, che si incammina verso un oliveto secolare.

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 8

Il sentiero è veramente affascinante, la zona è solitaria e non si vede anima viva, nel silenzio più totale si odono solo gli uccelli.

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 9

Verrebbe di percorrerlo tutto, ma ad un certo punto torno alla chiesa…

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 10

La crescita degli alberi al suo interno non promette nulla di buono per le sue ultime lastre ancora in piedi…

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 11

…una di esse è lavorata, forse era l’imbotto della porta d’accesso.

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 12

ruderi chiesa santa barbara contrada lacco 13

La segnalo, con la speranza di interessare qualche ente o privato che voglia ripulirla, e magari consentire uno scavo archeologico che potrebbe sicuramente rivelare molte informazioni, oggi nascoste dallo spesso strato di detriti. Il prof. Paul Arthur la visitò nel 1996 ed in base ai reperti trovati sul posto e ai frammenti di intonaco dipinto, la considera databile probabilmente al basso medioevo. I blocchi sono di reimpiego, forse provenienti dalle mura messapiche dell’antica Muro Leccese, che non è molto lontana. Secondo il Maggiuli si trattava di una chiesa greca.

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La Santa Barbara dimenticata fra le querce

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.