La cripta del menhir Ussano

Lungo la statale Lecce-Maglie di solito non ci si ferma a guardare troppo il panorama, né tanto meno ci si ferma, con l’auto. Questa volta, il menhir di Ussano ha fatto da calamita, e mi son fermato ad esplorare il sito. Bellissimo luogo, una masseria imponente e abbandonata, e davanti il monolite, dall’insolita forma prismatica, certamente lavorata in epoche successive.

Siamo in agro di Cavallino. Il banco roccioso affiorante per una vastissima zona, tutto intorno, offre tantissime testimonianze della vita che in passato era presente qui. A guardarsi intorno non si finisce più di sorprendersi!

Un’aia ci ricorda il lavoro contadino, il grano che qui vi si lavorava…

…che produceva chissà quanto pane, sembra dirci ancora un antico forno…

E poi c’è lui…

menhir di ussano

Il menhir è alto due metri e mezzo, ed è infisso su un banco particolarmente “lavorato”…

menhir di ussano

Come si nota dalla foto qui sopra, presenta una roccia molto modellata da mani umane. E guardando quel cespuglio, tre metri più avanti, ho notato l’ingresso di una cripta. Completamente nascosta dai rovi e dal solito ficus, ci ho lavorato parecchio di forbice, prima di aprirmi un varco!

cripta di ussano

La volta sembra essere crollata, sopra questo corridoio di accesso…

4

…questi sono i gradini dai quali si scendeva in origine.

cripta di ussano

Il corridoio porta ad una camera piuttosto piccola, forse il classico riparo dei viandanti.

cripta di ussano

Una volta entrati, ci si rende conto che, col soffitto così basso, il vero piano di calpestio si trova almeno mezzo metro più sotto, coperto da una montagna di terra.

cripta di ussano

Sul lato sinistro, rispetto all’entrata, si nota una nicchia scavata nella roccia, e sopra tracce di affreschi…

cripta di ussano

E questo sembra però il classico intonaco affrescato delle chiese rupestri, secondo uno schema che prevedeva generalmente al centro di questa “finestra” l’immagine di un santo. Ad un’attenta osservazione si intravede anche l’aureola.

8

ussano

Al centro della cripta, sembra emergere dal deposito di terra, uno spuntone di roccia… forse l’innesto dell’altare (foto sotto, il particolare). Sembrerebbe reggere un paragone con la cripta dei Fani (Salve), anche come dimensioni. Siamo dunque intorno ai secoli XI-XII.

11

12

Sopra vediamo una serie di fori, scavati nel muro lungo tutto il perimetro della cripta…

16

A duecento metri di raggio dal menhir, tutto intorno è il trionfo della pietra. Cumuli che si susseguono…

13

…tagli regolari nella roccia, qui sopra uno circolare, che però, si nota sulla parte sinistra, non fu portato a termine come dall’altro lato. A cosa serviva?…

14

Sopra invece uno scavo circolare. Intorno pare ci sia anche una cava, ma qui non siamo di fronte ai tagli per cavare tufi.

15

Altri cumuli. O tumuli…

17

Qualche pietra perfettamente quadrata…

18

Tracce vistose di una strada carraia…

ussano

1

Poco distante, la necropoli segnalata dal prof. Paul Arthur… il cimitero del vicino casale medievale.

ussano

Il muro di cinta della masseria è molto antico…

21

…e presenta diverse croci incise dai viandanti.

ussano

Una specchia. E’ il punto più alto del sito.

dolmen di ussano

E poi questa singolare costruzione, dal lato opposto del menhir, su un’altra altura da cui si gode un bel panorama. Parrebbe quasi un dolmen, ma lascio agli occhi del visitatore del luogo l’ultima parola. Questo sito, sia durante la preistoria che nel Medioevo, col suo casale stretto attorno al monolite, è stato vissuto intensamente, non solo per la sua bellezza e l’altura ma proprio per la sua posizione strategica.

(che ringrazia calorosamente l’amico archeologo Stefano Cortese per la consulenza, e Fabio Massimo Conte per la foto della necropoli!)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

La cripta del menhir Ussano

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.