La chiesa di S.Chiara a Copertino

Fra le tante cose belle da visitare nella bellissima cittadina di Copertino, c’è la chiesa di S.Chiara, posta proprio nel cuore del centro storico. Chiesa e monastero furono fondati nel 1545 per volontà del feudatario Alfonso Castriota. Furono poi rimaneggiati all’inizio del 1700. La dimora delle clarisse fu ampliata ed il suo interno fu decorato con stucchi. La chiesa, ricostruita quasi ex novo, perse le originarie linee

architettoniche cinquecentesche e venne trasformata in un edificio barocco. Fu officiata dalle monache claustrali le quali vi rimasero fino alla soppressione murattiana. Per circa 150 anni, dal 1826 la chiesa fu sede della Confraternita di San Salvatore e Morti.

chiesa di S.Chiara a copertino

E’ stata di recente restaurata, così il visitatore può oggi ammirare quanto rimane della sua antica storia.

chiesa di S.Chiara a copertino

chiesa di S.Chiara a copertino

Interessanti gli affreschi cinquecenteschi, posti nella zona absidale…

chiesa di santa chiara a copertino

…qui sopra si riconosce subito, da sinistra, l’Annunciazione dell’Angelo a Maria, ma anche Santa Lucia (per via degli occhi posti nel piatto) e Santa Caterina d’Alessandria, accanto alla ruota del suo martirio.

chiesa di santa chiara a copertino

chiesa di santa chiara a copertino

Anche gli altari laterali sono rimasti quasi intatti…

chiesa di santa chiara a copertino

Nell’altare di Santa Chiara delle formelle raccontano la sua vita. Lei venne mandata da Francesco d’Assisi presso la chiesa di S. Damiano dove vi restò per 42 anni. Si vuole che Chiara portando l’Eucaristia sull’ostensorio, avrebbe salvato, secondo la tradizione religiosa, il convento da un attacco di Saraceni il 22 giugno 1241, e ciò viene ricordato tutti gli anni con la “festa del voto” delle clarisse ad Assisi.

chiesa di santa chiara a copertino

Probabilmente quelle scene narrano la vicenda accaduta nel 1241 quando i Saraceni di Vitale D’Aversa, al servizio di Federico II di Svevia, erano alle porte di Assisi e stavano assediando San Damiano. Chiara allora, secondo una tradizione, prese l’ostensorio e lo espose alla finestra. Una luce accecante spaventò i saraceni, facendoli fuggire dal convento e da Assisi…

chiesa di santa chiara a copertino

Visti gli anni in cui fu costruita, queste scene di guerra e assedio erano senz’altro nell’animo delle genti che qui avevano a che fare coi Turchi…

chiesa di santa chiara a copertino

Qui sopra si vede un Papa, riconoscibile per il suo copricapo. Probabilmente vuol raffigurare Gregorio IX quando fece visita a Santa Chiara al convento e le chiese di benedire il pane: appena Chiara lo ebbe benedetto, vi sarebbe comparsa sopra una croce. Uno scorcio di Storia e Fede, da questo angolo di Terra d’Otranto.

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

La chiesa di S.Chiara a Copertino

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.