La chiesa-cripta Madonna della Grottella in Arneo

Sapevo dell’esistenza di una chiesa-cripta della Madonna della Grottella, in Arneo, ma non avevo ancora avuto l’opportunità di esplorare il vasto tratto di oliveto secolare che si estende fra Veglie e Porto Cesareo. Un paesaggio incantevole, che ha visto insediamenti umani dalla notte dei tempi, e poi il prosperare di grandi masserie, prima del relativo abbandono moderno.

A metà della strada Veglie-Porto Cesareo, sulla destra, c’è una piccola altura che fu interessata da entrambi questi insediamenti…

La chiesa-cripta Madonna della Grottella in Arneo

…sono sul sito messapico “Li Schiavoni”, che ospitò un insediamento fortificato di cui restano anche alcune tracce di muraglioni: un luogo altamente strategico, da cui gli abitanti controllavano il mare ed erano in collegamento col loro scalo marittimo. Dalla foto sopra si vede il panorama con Masseria Trappeto, un monumentale insediamento agricolo, di cui si nota anche la torre colombaia.

Chissà cosa potrebbe riportare alla luce, un massiccio scavo archeologico di questa città messapica…

…il panorama circostante è sublime! Ho notato una grande quercia, che era l’albero originario che ricopriva il Salento, accanto ad un olivo secolare (sopra): vanno a braccetto in maniera deliziosa!

La chiesa-cripta Madonna della Grottella in Arneo

Qui siamo dal lato opposto della strada provinciale, sempre in mezzo agli olivi, dove resistono i ruderi di questa cappella… nota appunto come la Madonna della Grottella, un tempo una chiesa, di cui ora resta solo la parte absidale. Nel 1613 il vescovo De Franchis la aprì al culto.

La chiesa-cripta Madonna della Grottella in Arneo

I secoli hanno lasciato il segno… l’affresco della Madonna è compromesso…

…tuttavia, gli ovali posti ai lati, propongono scene in migliori condizioni, che mostrano panorami seicenteschi molto interessanti, quasi come un tuffo nel Salento di allora… qui sopra vediamo un’imbarcazione…

…sopra la quale c’è un’iscrizione in carboncino datata 1872, che anche se a fatica si può ancora tradurre: sono le tracce dei fedeli e i pellegrini che conoscevano bene questo posto, e vi ci passavano: sono tante infatti le iscrizioni conservatesi!

Qui sopra si vede una città fortificata: l’albero all’esterno della cinta è quello dell’arma civica del comune di Copertino: probabilmente è una raffigurazione di questa città, posta non lontano da qui, in effetti.

…mentre qui sopra, invece, la nave rasenta il litorale, davanti ad una torre costiera: un panorama quanto mai familiare!

Purtroppo ci sono anche danni causati dai soliti “cercatori di tesori”, che in luoghi sperduti come questo, hanno traforato le pareti, cercando qualcosa che non è mai esistito: l’acchiatura. Oggi, i proprietari del terreno stanno curando con amore la zona circostante, per ridar dignità a questo luogo secolare.

La volta che ricopre l’abside è ancora in buono stato…

…decorata con i classici richiami barocchi…

Sotto l’icona, si apre un grande invaso, di origine naturale (probabilmente un inghiottitoio in cui confluivano anticamente le acque), sul cui accesso c’è questo grosso elemento architettonico, posto lì forse per “tenere” la volta…

La grotta non ha uno schema architettonico ben definito. La zona ad est fu adattata a presbiterio. Pare che nel 1703 in questa cripta fu ritrovato morto il frate Giuseppe l’Eremita, che vi si era ritirato a vita ascetica.

L’ambiente è oggi molto pericoloso da esplorare, vi sono vari passaggi…

…ma non è consigliabile superarli…

Il panorama circostante, però, è un mondo intero da camminare e ammirare!

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non avrà mai banner pubblicitari, perciò tutto ciò che qui compare, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it  

La chiesa-cripta Madonna della Grottella in Arneo

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.