Il Trono Ludovisi

Una delle opere più belle della Storia dell’Arte che mi ha personalmente affascinato fin dai tempi della scuola è senza dubbio il cosiddetto Trono Ludovisi. Custodito all’interno del Museo Nazionale Romano, in Palazzo Altemps, viene datato al 460-450 a.C. 

Questo straordinario reperto fu rinvenuto nel 1887 a Roma, nell’area degli Horti Sallustiani, durante dei lavori per la Villa Ludovisi. E’ decorato a bassorilievo con tre scene differenti. In quella frontale si vede una dea, probabilmente Afrodite, vestita con un chitone, che emerge dalla spuma del mare con il volto radioso e le braccia levate, sorretta da due “Horai”. Le due ancelle sorreggono un velo impalpabile e leggero che accresce la forte suggestione visiva e l’impatto emozionale della scena.

11850579_595286370610674_5342583536364670135_o

Osservare questa scena dal vivo non può non lasciare incantato il visitatore!

11864963_595286653943979_1423544762452904800_o

Nei lati del cosiddetto “Trono” sono raffigurate due interessanti figure femminili. Sul lato sinistro c’è una donna nuda che suona un doppio flauto. Sul lato destro c’è una donna ammantata da chitone, con il capo coperto dal mantello, che prende dei granelli di incenso da porre in un bruciaprofumi. Le due donne sono due sacerdotesse, ierodule del tempio sacro, simbolicamente evocato dal mistico suono del flauto e dall’intenso profumo dell’incenso, celebranti il culto di Afrodite ed emblemi dell’Amore, terreno da un lato e spirituale dall’altro…

Trono Ludovisi

Significato profondo e celato alla vista dei più. Il trono potrebbe essere una parte dell’arredo sacro del santuario di Afrodite ad Erice, in Sicilia e poi giunto a Roma per decorare, forse, il tempio di Venere Erycina. Nel santuario romano fuori città, come in quello siciliano, si svolgevano pratiche di culto come la prostituzione sacra. Altri studi hanno attribuito il reperto alla zona di Locri dove c’era, anche lì, un tempio dedicato ad Afrodite.

11896349_595286700610641_8408933302176715181_o

Trono Ludovisi

Chi può, vada a vederlo di persona. Non mancherà di trasmettervi la sua bellezza!

 

(che ringrazia la studiosa Raffaella Galli, per le sue fotografie e la sua competenza!)

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Trono Ludovisi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.