Il Mosaico Medievale di Brindisi

Fra le tante meraviglie storiche custodite dalla millenaria città di Brindisi non si può non visitare il suo affascinante mosaico medievale: anche se pesantemente rimaneggiato dalla Storia, i suoi lacerti riescono ancora oggi a trasmetterci l’immagine di quello che, nel 1178, era l’antico pavimento che ricopriva interamente tutta la superficie della Cattedrale romanica.

Fra gli altri eventi, il tremendo terremoto del 1743, che devastò l’intero Salento, contribuì alla totale ricostruzione della cattedrale che accolse l’Imperatore Federico II.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-1

Nonostante i pochi frammenti oggi salvati, gli studiosi hanno comunque ricostruito quasi interamente l’intero pannello originario, del mosaico, anche grazie ad alcuni preziosissimi disegni che i viaggiatori dei secoli scorsi hanno provvidenzialmente riportato.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-2

Da un’opera del 1604, Antiquità e vicissitudini della città di Brindisi, si ricava il nome del committente (l’arcivescovo Guglielmo) e l’anno di esecuzione dell’opera. I pochi frammenti rimasti si trovano nella navata sinistra della chiesa ed intorno all’altare maggiore.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-3

Tutto ricorda molto, nello stile, il Mosaico di Otranto, l’utilizzo dei tondi, gli animali mitologici, il tratto stesso delle figure: chissà se veramente non ci sia lo zampino di Pantaleone, anche la data sarebbe compatibile, pochissimi anni dopo. Ma è soltanto la mia personale ipotesi!

il-mosaico-medievale-di-brindisi-4

I materiali e la tecnica sono sempre gli stessi: tessere della misura di circa 1 – 1,5 cm, di calcare locale di colore bianco, nero, verde, grigio rosso arancio e giallo con inserti di tessere in pasta vitrea disposte ad opus tesselatum.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-5

il-mosaico-medievale-di-brindisi-6

I tratti di mosaico della navata laterale sono protetti da una lastra di vetro, e si trovano al di sotto del livello attuale della Cattedrale.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-7

il-mosaico-medievale-di-brindisi-8

il-mosaico-medievale-di-brindisi-9

il-mosaico-medievale-di-brindisi-10

Come non notare le somiglianze col capolavoro di Otranto!

il-mosaico-medievale-di-brindisi-11

In questo disegno (sopra), riprodotto dal preziosissimo Almanacco Salentino (di Mario Congedo, del 1970), si può ammirare uno di quei disegni che nei secoli passati hanno catturato le immagini musive prima della distruzione: si può osservare una delle scene madri del mosaico di Brindisi, il tema carolingio della Rotta di Roncisvalle, col paladino Orlando, e il vescovo Turpino. L’uomo di spada e l’uomo di chiesa!

il-mosaico-medievale-di-brindisi-12

I temi dell’epopea carolingia, del resto, ricorrono anche a Otranto, con l’episodio di Artù e il Gatto di Losanna.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-13

Un’altra traccia dell’antica cattedrale romanica si ritrova in questo altro disegno (stessa fonte), di A. L. Millin (1812), che riproduce un frammento marmoreo con i resti di una iscrizione bilingue greco-latina.

il-mosaico-medievale-di-brindisi-14

Il terremoto del 1743 si ricorda anche nella epigrafe qui sopra, che mise a soqquadro quella che doveva essere una delle più belle cattedrali di Terra d’Otranto.

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

seguici-su-FB

Il Mosaico Medievale di Brindisi

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.