Il Dolmen di Bisceglie

Secondo Mario Cosmai, storico e scrittore, il famoso Dolmen di Bisceglie, noto come la “Chianca”, rappresenta il più perfetto e il più grande tra i monumenti antichi d’Italia e il più bello e interessante dolmen d’Europa. Scoperto dagli archeologi Francesco Samarelli e Angelo Mosso nel 1909, si trova in un territorio ricco di grotte abitate sin dalla Preistoria. I contadini del luogo avevano già rimosso tutto prima degli scavi,

anche se alcune tracce dei mucchi di pietrame e di terriccio che coprivano la costruzione erano evidenti agli occhi degli archeologi. Al suo interno furono rinvenute ossa di animali, frammenti di piccoli vasi e alcuni coltelli di pietra risalenti intorno a 1200 – 1000 anni a.C., sei scheletri di adulti e di ragazzi disposti in modo disordinato, e due scheletri in posizione rannicchiata.

Dolmen Bisceglie (primi 1900)

Dolmen della Chianca di ignoto – scansione di una antica cartolina. Con licenza Pubblico dominio tramite Wikipedia. Foto del 1909.

dolmen di bisceglie

Lungo il bellissimo dromos, ossia il corridoio di accesso, furono trovate alcune stoviglie nerastre, un pendaglio in bronzo ed una brocca. I reperti furono acquisiti dal museo archeologico di Bari. Sin dalla sua scoperta il dolmen della Chianca è sempre stato oggetto di studio da parte di studiosi autorevoli di ogni parte del mondo. Nel 2011 l’Unesco lo ha riconosciuto come “Patrimonio testimone di una cultura di pace per l’umanità”.

dolmen di bisceglie

La costruzione megalitica, rientrante nella tipologia delle tombe dolmeniche a galleria ed a corridoio all’interno di tumulo ellittico, è costituita da una cella sepolcrale quadrangolare, formata da tre lastroni verticali in pietra locale, di cui due sono disposti come pareti laterali ed uno come parete di fondo.

dolmen di bisceglie
Su di essi è disposto orizzontalmente un quarto lastrone di pietra più grande che ha una lunghezza di 3,85 m ed una larghezza di 2,40 m. L’altezza della cella è di circa 1,80 m.

dolmen di bisceglie

Secondo alcuni studiosi per posizionare la lastra del tetto si è reso necessario l’impiego coordinato di almeno un centinaio di persone. I lastroni verticali poggiano direttamente sulla roccia ed uno di essi è caratterizzato da due piccole aperture.

dolmen di bisceglie

La cella continua all’esterno in un corridoio scoperto lungo 7,60 m, indirizzato a oriente…

dolmen di bisceglie

La lunghezza complessiva dell’intero monumento è poco meno di 10 m.

dolmen di bisceglie
Il dolmen costituisce un unicum, non soltanto per l’eccezionale stato di conservazione, ma anche per la consistenza numerica dei reperti, non comparabili con oggetti simili di altri dolmen presenti in Puglia.

IMG_1030

Sul posto, alcuni interessanti pannelli illustrano il lavoro degli archeologi…

IMG_1031

IMG_1016

dolmen di bisceglie

Questo stupendo monumento, la cui grandezza si appezza meglio con una persona al suo interno, è facilmente raggiungibile dalla superstrada, ed una serie di cartelli ne indicano la via per giungere facilmente sul posto. Una visita è consigliata vivamente, a tutti gli appassionati di storia, preistoria e semplici escursioni in campagna!

 

 

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Il Dolmen di Bisceglie

2 comments to Il Dolmen di Bisceglie

  • Pasquale Nitti  says:

    Buongiorno.
    Dispiace dovere contraddire il compianto Dr. Mario Cosmai ma i dolmen piu’ belli ed interessanti d’Europa si trovano ad Antequera, cittadina andalusa (Spagna) nella quale se ne contano ben tre e di fattura, oltre che di conservazione, migliori di quello di Bisceglie.

    p.s.: li ho fotografati pochi giorni fa.

    • salentoacolory  says:

      Signor Pasquale, mi hai incuriosito! Avete per caso condiviso quelle foto sui social? Vorrei vederli! O se preferite ci scriviamo un articolo apposta sul nostro sito, firmato da voi, o aiutandoci a farlo! fateci sapere!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.