Fra le meraviglie di Metaponto

Metaponto fu una delle più importanti città della Magna Grecia, fondata da coloni provenienti dalla regione greca dell’Acaya nella seconda metà del VII secolo a.C. su richiesta di rincalzo coloniale direttamente dalla madre patria, da parte di Sibari, per proteggersi dall’espansione di Taranto. Fonti antiche riportano che Metaponto sarebbe stata fondata dall’eroe greco Nestore

di ritorno dalla guerra di Troia. La ricchezza economica della città proveniva principalmente dalla fertilità del suo territorio, testimoniata dalla spiga d’orzo che veniva raffigurata sulle monete di Metaponto e che divenne il simbolo stesso della città e che essa inviava in dono a Delfi. Qui visse e operò, fino alla fine dei suoi giorni, Pitagora, che vi fondò una delle sue scuole.

Fra le meraviglie di Metaponto

Oggi, questo sito straordinario, coronato da uno splendido museo archeologico, situato sulla costa jonica in provincia di Matera, è un vero e proprio viaggio nell’antico meridione d’Italia.

Fra le meraviglie di Metaponto

Le fonti antiche riferiscono per Metaponto più fondazioni con ecisti differenti (Daulio, tiranno di Crisa, Leucippo, Metabos) avvenuto sul luogo, ormai abbandonato, dove in precedenza si erano insediati i Pilii di ritorno da Troia. Un centro misto greco-indigeno è realizzato in località Incoronata di Pisticci, un terrazzo sulla destra del fiume Basento, già nell’VIII secolo a. C. ma questa prima esperienza sembra esaurirsi verso la fine del VII secolo, probabilmente in conseguenza della venuta di genti dal Peloponneso e della loro penetrazione verso l’interno ai danni degli Enotri.

Gli Achei arrivano a fondare la nuova città per contrastare Taranto. La città è posta tra le foci del Bradano e del Basento, in una zona molto fertile che ne determina una fiorente economia agricola. Il Basento facilita le attività portuali, mentre le due vallate dei fiumi rendono facili i collegamenti con l’entroterra. Una situazione geografica ottimale, insomma.

L’area sacra della città viene dotata dei monumenti più significativi: il sacello “C” dedicato ad Atena, costruito già alla fine del VII secolo a.C., e i due grandi peripteri dorici “A” e “B”, dedicati a Hera e ad Apollo, nel VI secolo a.C.

Nel V secolo a.C. viene eretto in stile jonico il tempio “D”. Anche l’agorà riceve il necessario risalto monumentale, ed ospita un edificio per pubbliche assemblee capace di contenere 8000 persone.

A rimarcare il prestigio e il potere raggiunto dalla città basti ricordare la sua partecipazione alla distruzione di Siris prima e successivamente di Sibari.

Anche Metaponto, ovviamente, subì la definitiva occupazione Romana, anche se sperò (invano) in Annibale, per ritrovare la sua indipendenza perduta.

Il Museo Archeologico è, come si diceva, uno splendore! Ricchissimo di reperti di ogni genere, che non fanno che confermare al visitatore la sua immagine di città ricca e potente. Quella che segue è una carrellata esaustiva di ciò che esso custodisce.

All’interno del Museo una perfetta ricostruzione del tempio, che ben restituisce la sua imponenza originaria!

Di splendida fattura gli ori e le collane restituite dalla collezione archeologica.

Il Museo si trova in via Aristea, 21, 75012 Metaponto (Matera). Per informazioni e visite: 0835 745327.

© Questo sito web non ha scopo di lucro, non userà mai banner pubblicitari, si basa solo sul mio impegno personale e su alcuni reportage che mi donano gli amici, tutti i costi vivi sono a mio carico (spostamenti fra le città del territorio salentino e italiano, spese di gestione del sito e per il dominio concesso da Aruba). Se lo avete apprezzato e ritenete di potermi dare una mano a produrre sempre nuovi reportage, mi farà piacere se acquisterete i miei romanzi. Il Folle lo trovate su Amazon (clicca qui), mentre Tsunami lento in alcune librerie (clicca qui) anche in versione inglese (su Amazon), oppure, anche tutti gli altri miei titoli, a richiesta alla mia mail: sandrolento@gmail.com. Tutto ciò che compare sul sito, sopratutto le immagini, non può essere usato in altri contesti che non abbiano altro scopo se non quello gratuito di diffusione di storia, arte e cultura. Come dice la Legge Franceschini, le immagini dei Beni Culturali possono essere divulgate, purché il contenitore non abbia fini commerciali, anche indirettamente. I diritti dei beni ecclesiastici sono delle varie parrocchie, e le foto presenti in questo sito sono sempre state scattate dopo permesso verbale, e in generale sono tutte marchiate col logo di questo sito unicamente per impedire che esse finiscano scaricate (come da noi spesso scoperto) e utilizzate su altri siti o riviste a carattere commerciale. Per quanto riguarda le foto scattate in campagne e masserie abbandonate, se qualche proprietario ne riscontra qualcuna che ritiene far cancellare da questo blog (laddove non c’erano cartelli o muri che distinguessero terreno pubblico da quello privato, non ce ne siamo accorti) è pregato (come chiunque altro voglia segnalare rettifiche) di contattarci alla mail info@salentoacolory.it

Fra le meraviglie di Metaponto

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.